Programma di valorizzazione del patrimonio archeologico ostiense e del suo contesto ambientale attraverso il ritrovato rapporto con il fiume

di Valentina Albano (Leika Geosystem S.P.A.), Marco Frascarolo (Uniroma3‐DARC), Giovanna Marinelli (Art’s Factory PTS), Angelo Pellegrino (MiBAC‐SSBAR Ostia), Claudio Presta (Prospettive Edizioni S.r.l.), Antonio Pugliano (Uniroma3‐DARC)

 Introduzione

La storia di Roma è segnata dal rapporto con il Tevere; si tratta di un rapporto complesso caratterizzato dall’azione formativa del fiume sull’assetto geomorfologico del territorio e, insieme, sulla società, sulla cultura e sull’economia dei suoi abitanti.
Nell’intorno del fiume, da Roma sino alla foce, l’espressione di questo rapporto è la stratificazione di presenze e condizioni che, dall’antichità, hanno determinato la nascita e il decadimento d’insediamenti umani e delle loro infrastrutture di scambio commerciale e culturale. Queste presenze materiali costituiscono lo scenario di processi storici e antropologici importanti, tali da ritenersi emblematici per l’identità della cultura mediterranea e, pertanto, definiscono un patrimonio di carattere storico, archeologico, che necessita di essere valorizzato affinché possa essere fruito dalla comunità nel migliore dei modi. In questa prospettiva si pone il presente contributo orientato a considerare la possibilità di dar vita ad un sistema virtuoso nel quale il turismo di qualità possa giocare il ruolo di motore di sviluppo per l’economia della fascia costiera del suburbio romano sud occidentale. Ivi si collocano i maggiori attrattori (i siti archeologici di Ostia Antica e di Portus) per i quali s’impone di stabilire una utile relazione con la rete infrastrutturale attuale (viaria e ferroviaria) e con gli ulteriori sviluppi previsti per essa (i nuovi insediamenti portuali e gli ampliamenti dell’aereoporto). In questo ambito di problematiche si colloca il tema della organizzazione di un efficace rapporto delle emergenze archeologiche con il fiume. Il Tevere, infatti, può costituire uno dei sistemi di collegamento con il territorio tra i più qualificati per vocazione turistica. Tale sistema si basa sull’organizzazione dell’accesso ai siti anche dal fiume e sulla coerente riorganizzazione museale dei siti stessi. Alla progettazione della nuova organizzazione degli accessi farà seguito la definizione d’idonei percorsi di visita tematici che formeranno il quadro d’assieme dei singoli progetti di restauro per la valorizzazione da prevedersi a vantaggio dei manufatti  architettonici ai quali verrà assegnato, motivatamente, il ruolo di attrattore.

FIG.1 Le Indagini propedeutiche alla programmazione della valorizzazione del quadrante sudoccidentale del suburbio romano. Analisi del territorio. In alto: mappa storico-archeologica con individuazione, localizzazione, caratterizzazione tipologica delle testimonianze materiali (la serie dei potenziali attrattori) di interesse storico, artistico, antropologico. In basso: assetto attuale e potenzialità di sviluppo. La rete infrastrutturale di collegamento, i poli funzionali, le aree del sistema ambientale. Ricerca ed elaborazione grafica di Simone Diaz per Pugliano A. Programma di Azioni Integrate di Ricerca e Formazione per la Documentazione, la Conservazione e la Valorizzazione del sito archeologico di Ostia. Convenzione tra MiBAC-SSBAR Sede di Ostia e Università “Roma Tre”- DiPSA
FIG.1 Le Indagini propedeutiche alla programmazione della valorizzazione del quadrante sudoccidentale del suburbio
romano. Analisi del territorio.
In alto: mappa storico-archeologica con individuazione, localizzazione, caratterizzazione tipologica delle testimonianze
materiali (la serie dei potenziali attrattori) di interesse storico, artistico, antropologico.
In basso: assetto attuale e potenzialità di sviluppo. La rete infrastrutturale di collegamento, i poli funzionali, le aree del
sistema ambientale.
Ricerca ed elaborazione grafica di Simone Diaz per Pugliano A. Programma di Azioni Integrate di Ricerca e Formazione
per la Documentazione, la Conservazione e la Valorizzazione del sito archeologico di Ostia. Convenzione tra MiBAC-SSBAR
Sede di Ostia e Università “Roma Tre”- DiPSA

Fig2
Fig2 Le Indagini propedeutiche alla programmazione della valorizzazione del sito urbano di Ostia Antica. Lettura del
processo di formazione degli antichi tessuti edilizi.
In alto: studio dei tessuti urbani con individuazione dei processi evolutivi del reticolo viario e delle trasformazioni degli edifici;
su tale base si produce la datazione processuale (relativa) degli organismi murari
In basso: Le successive lottizzazioni dell’area esterna al Castrum con la trasformazione urbana ed edilizia nel polo di Porta
Marina
Ricerca ed elaborazione grafica di Elisabetta Moriconi per Pugliano A. Programma … cit

 

La Valorizzazione ai fini della fruizione

Il sistema virtuoso citato precedentemente non può che giovarsi della redazione di un Programma di Valorizzazione del contesto archeologico, ambientale e paesaggistico ostiense che ponga come prioritaria la riqualificazione del rapporto con il fiume e possa determinare l’armonizzazione dello sviluppo abitativo, commerciale, infrastrutturale, del territorio con la conservazione appropriata delle testimonianze del passato. La finalità del Programma di Valorizzazione è, quindi, creare le condizioni per il rilancio del turismo culturale offrendo alla fruizione, in forma organizzata e fondata scientificamente, il vasto epertorio di attrattori materiali e immateriali (e delle loro relazioni reciproche) che qualificano il territorio. Gli ingredienti della fruizione sono l’informazione e la sperimentazione. La prima svolge un ruolo fondamentale già nella fase preliminare alla visita, agendo attraverso appositi strumenti di comunicazione sui potenziali fruitori, creando e diffondendo l’interesse per il sito da conoscere. L’informazione si giova dell’uso di tecnologie avanzate di comunicazione, dei social media, di elaborazioni audio visive e, in sostanza, di qualsiasi mezzo possa veicolare efficacemente un contenuto scientifico all’interno di una forma divulgativa attraente. L’efficacia di tale forma di comunicazione dipende dalla sua capacità di riprodurre un’esperienza di visita non attuabile in altro modo; l’esperienza mediatica, pur non prevalendo per interesse sull’esperienza diretta, diviene così un ideale supporto alla sperimentazione del luogo fisico da parte del visitatore. L’esperienza diretta, infatti, è insostituibile se viene sostenuta da contenuti di valore scientifico e organizzata con intelligenza: essa può riguardare la semplice visita tematica del sito e può svilupparsi sino alla conoscenza approfondita delle attività di scavo e di restauro. Nella sperimentazione del sito da parte del visitatore è fondamentale il ruolo delle tecnologie aggiornate di comunicazione adatte a migliorare la diffusione e l’intelligibilità dei dati conoscitivi, anche in forma di partecipazione interattiva; altrettanto necessarie sono le tecnologie utili alla produzione dei dati conoscitivi e alla gestione delle informazioni per la conservazione e il restauro delle compagini materiali: valga l’esempio delle rilevazioni tramite Laser Scanner, che documentano con estremo dettaglio lo stato attuale degli edifici, o dei sistemi GIS che raccolgono, in un’organizzazione ordinata e relazionale, le informazioni di diversa natura che possono essere riferite ai singoli monumenti e al loro contesto. Pertanto: non abbiamo difficoltà a rintracciare utensili tecnologici da applicare alle iniziative mediatiche e gestionali citate precedentemente, viceversa non è agevole dire altrettanto dell’elaborazione scientifica di strumenti culturali da attivare per mettere a fuoco i contenuti della comunicazione. Si tratta di stabilire un utile rapporto con il nostro passato sulla base del quale selezionare le informazioni e le esperienze da offrire ai visitatori affinché il sito resti vivo e sia attraente, ma è altrettanto importante comprendere che genere di visitatori intendiamo soddisfare. Affinché sia economicamente vantaggiosa, la fruizione di un sito valorizzato deve rivolgersi ad un bacino di utenza ampio e differenziato, pertanto è necessario stimolare culturalmente i fruitori più esigenti che chiedono di essere sostenuti nelle loro aspettative di crescita intellettuale e, nello stesso tempo, soddisfare estese compagini di visitatori inclini a fruire il prodotto culturale in forme elementari, emotive e percettive. Che fare? E’ necessario concentrarsi sulla qualità dei contenuti della comunicazione affinché la familiarità che si tende a stabilire con l’oggetto visitato sia fondata su informazioni selezionate, corrette, e soprattutto di carattere inclusivo e identitario. E’ opportuno, poi, che l’oggetto visitato sia in grado di trasferire le informazioni al visitatore in una forma appropriata che può essere determinata dall’intervento tecnico di restauro.

Fig3
Fig3 Le Indagini propedeutiche alla programmazione della valorizzazione del sito urbano di Ostia Antica. Documentazione
e caratterizzazione dei manufatti architettonici presenti nel sito degli scavi.
In alto: rilievo architettonico della Domus di Amore e Psiche
Rilievo e restituzione grafica di Paola Agnelli per Pugliano A. Programma … cit.
In basso: catalogazione delle componenti di finitura pavimentale. Casistica dei pavimenti nelle domus tardoantiche.
Ricerca ed elaborazione grafica di Elisabetta Moriconi, per Pugliano A. Programma … cit.

Fig4
Fig4 Definizione e organizzazione del repertorio dei dati conoscitivi ricavati durante le Indagini propedeutiche alla
programmazione della valorizzazione.
In alto: individuazione, riconoscimento tipologico e localizzazione delle componenti del sistema idrico urbano.
Ricerca, rilevazione ed elaborazione grafica di Elettra Santucci per Pugliano A. Programma … cit.
In basso: descrizione architettonica e funzionale delle componenti dell’impianto idrico urbano. Casistica dei ninfei nelle
domus tardoantiche.