Il paesaggio in sinistra idrografica del Tevere compreso nel XII Municipio

Fig. 4
di Anna Buccellato e Fulvio Coletti,  Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma

Nel settore ricadente nel suburbio sud-occidentale di Roma l’incisiva politica di tutela della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma, impostata su un sistematico controllo del territorio ed accertamenti di archeologia preventiva, in relazione non solo a microinterventi ma soprattutto a programmi di edilizia pubblica e privata e grandi opere infrastrutturali, ha prodotto importanti acquisizioni ricostruendo un paesaggio che si articola dall’epoca repubblicana all’Alto Medioevo.

In particolar modo in tempi recenti, contemperando in fase progettuale gli interventi di trasformazione urbanistica con le esigenze di salvaguardia, è stata assicurata la massima tutela e valorizzazione nei confronti dei reperti mobili e immobili contestualizzando i dati in un quadro che documenta le dinamiche di evoluzione del paesaggio.

I risultati delle indagini archeologiche e degli studi interdisciplinari intrapresi, oggetto di edizione scientifiche e divulgazione in ambito di convegni, hanno evidenziato come il rapporto di interazione tra uomo e fattori ambientali quali le caratteristiche geomorfologiche e pedologiche nonché la rete idrografica del Tevere e dei suoi affluenti è risultato determinante sia nelle dinamiche di occupazione e sfruttamento del suolo, sia nella definizione delle vie di comunicazione, sia nello sviluppo delle attività commerciali
Il territorio è connotato geomorfologicamente da pianori tufacei (depositi piroclastici del quaternario), coltivati in genere a cereali, e solcati da corsi d’acqua lungo le rive dei quali si conservano ancora zone caratterizzate da macchia mediterranea, lecci e sugheri.

Si susseguono da nord i fossi di Fossi di Acqua Acetosa, Vallerano-Rio Petroso, Selcetta, Perna e Trigoria-Malafede (l’antico Rivus Albanus) che, attraversando la regione, in senso est- ovest, dai Colli Albani in direzione del Tevere, costituivano naturali assi di percorrenza o punti privilegiati per l’insediamento dei primi nuclei abitativi.

La particolare conformazione geomorfologica dei luoghi, favorevoli all’agricoltura per caratteristiche pedologiche ed abbondante disponibilità idrica, determinò rapidi processi di occupazione ed insediamento che hanno lasciato tracce già dal paleolitico medio e inferiore con concentrazioni di industria litica, rinvenute nelle tenute prospicienti la valle di Malafede e la via Pontina e numerose attestazioni risalenti al Neolitico recente in particolare lungo i margini terrazzati del Fosso di Vallerano/Rio Petroso. Nell’ambito dell’Eneolitico le modalità di occupazione del territorio si ripropongono con le medesime modalità concentrandosi nuovamente lungo i margini del fossi principali in prossimità degli alvei di ruscelli minori (Perna Fig. 1.1, Torrino-Mezzocammino Fig. 1.2)

Fig.1
Fig.1

Dalla tarda età del bronzo sorgono i centri di Castel di Decima, (probabile Tellenae – Fig. 1.3), e Laurentina – Acqua Acetosa (Politorium – Fig. 1.4), su pianori in posizione elevata e naturalmente difesa, dominanti rispettivamente sui fossi di Acqua Acetosa e Malafede: tali centri insieme con Acilia (Ficana) e Pratica di Mare (Lavinium) fino all’età arcaica formano un sistema di abitati contigui e coevi a sud di Roma, in un territorio collegato tramite una serie di vallate fluviali al Tevere e quindi al mare, la cui fioritura è, pertanto, correlata all’inserimento nella rete di rapporti commerciali e culturali transitanti lungo il corso del fiume e l’Ostiense, che vede fin dall’età del ferro l’area laziale partecipe degli scambi tra il mondo etrusco e greco-coloniale. Alle dipendenze di tali abitati, secondo una prima gerarchizzazione, il territorio appare suddiviso tra gruppi gentilizi dediti non soltanto ad attività produttive e commerciali bensì titolari di precise funzioni politiche.

Nel periodo repubblicano in seguito alle conquiste di Roma e l’ampliamento dell’ager romanus nel paesaggio agrario connotato da una diffusione di piccole e medie proprietà a conduzione familiare ancora afferenti all’aristocrazia (Fig. 1.5-6) le attività rurali si intensificano con interventi che presuppongono l’introduzione di tecniche innovative: opere di sistemazione di suoli vulcanici o calcarei per areazione o smaltimento delle acque, impianti idrici funzionali alla captazione, conservazione ed irrigazione, infrastrutture idriche anche complesse, destinazione di settori all’attività estrattiva sia locale che per la commercializzazione dei materiali.

Nel passaggio alla formazione dell’azienda incentrata sulla villa ancora la fascia lungo l’Ostiense (a ridosso del settore compreso tra VI e VIII miglio, corrispondente agli attuali km 11-14), con i comprensori del Torrino e Mezzocammino, per la vicinanza a Roma nonché ad Ostia importante nodo di scambi ed il controllo delle comunicazioni viarie e fluviali mostra una maggiore fioritura da età augustea come sede prescelta per dimore degli unici personaggi famosi tramandati dalle fonti antiche in questa zona: i Q. Aurelii Symmanchi Praedia al VII miglio (Figg. 1.7, 2) e quella del Nonii Asprenatis Praedium all’VIII miglio.

Fig. 2
Fig. 2

Per quanto riguarda le vie di comunicazione, gli assi di penetrazione del territorio, generatori di occupazione e sviluppo, sono rappresentati dalle arterie diramantesi da Roma verso i centri costieri latini: lungo il Tevere l’Ostiense, determinante per il trasporto delle merci, e al centro l’antica Laurentina, identificata con evidenze archeologiche nel tracciato che, dal III miglio della via Ostiense, attraverso l’asse perpetuato dalla direttrice Pontina Vecchia-Pratica di Mare, conduce a Lavinium con biforcazione al Vicus Augustanus Laurentium. I due tratti esposti dell’arteria in loc. Castellaccio (Fig. 1.8, 3) e nel punto di confluenza tra la moderna via di Decima e via Pontina (Fig. 1.9), documentano nei vari livelli di costruzione e manutenzione dall’età tardo arcaica al periodo tardoantico il costante impegno organizzativo e tecnico dello Stato Romano in particolare nell’ambito della piana alluvionale dei fossi del Ciuccio, Acqua Acetosa e Vallerano (loc. Castellaccio) per la necessità di mantenere sopraelevata la sede della strada dagli affioramenti di falda.

Fig. 3
Fig. 3

Tra le vie di comunicazione particolarmente significativi il Fosso di Malafede, di collegamento con le grandi città del Lazio meridionale e Castel di Decima, naturale elemento di cesura tra Ager Romanus e Ager Laurens, ed importante segno di discontinuità nel paesaggio della campagna a sud di Roma, e il fosso dell’Acqua Acetosa considerato comunemente corrispondente al confine dell’Ager romanus antiquus ed affiancato da un tracciato che collega l’antica Laurentina con l’abitato protostorico della Laurentina-Acqua Acetosa.

Per quanto riguarda le ultime acquisizioni interdisciplinari, lo studio geomorfologico, attraverso, indagini cartografiche, aerofotointerpretazione e analisi quantitativa del reticolo idrogeografico nell’ambito del bacino del fosso di Vallerano presso la confluenza del Tevere, ha permesso di ricostruire l’evoluzione morfologica a cui è stata soggetta l’area dalla fine dell’ultima glaciazione e caratterizzare lo studio evolutivo attuale della rete idrografica. Tra le modifiche particolarmente rilevante la sistemazione idraulico-territoriale rinvenuta nel contesto del bacino imbrifero dei tre tributari del Tevere (Fig. 4):

Fig. 4
Fig. 4

l’irreggimentazione del fosso dell’Acqua Acetosa, risalente al primo impero, rintracciata nell’intera piana e mirata alla bonifica della zona soggetta ad impaludamenti ed al riflusso delle acque in occasione delle piene del Tevere, consiste nella rettifica delle sponde dell’alveo con fodere in opera reticolata. Anche l’anomalia del percorso del fosso di Vallerano dopo la confluenza con il Fosso dell’Acqua Acetosa ha fatto ipotizzare un intervento artificiale di regolarizzazione idraulica.

Per ciò che attiene, invece, alle potenziali prospettive di studio si annovera lo studio dei Ponti sulla via Ostiense: accanto ai noti ponti dell’Arca e Mezzocammino (Fig. 1.10) la ricerca documentale e ricognitiva è finalizzata alla verifica delle due infrastrutture rispettivamente oltrepassanti il fosso del Torrino (Fig. 1.11) e prossima all’area di S. Ciriaco (Vitinia), segnalate da notizie bibliografiche e cartografiche del secolo scorso.

——————————————
BIBLIOGRAFIA
A. BUCCELLATO, voce Laurentina via, in LTURS III, Roma 2005, p. 213-227.

G.L. GREGORI – A. BUCCELLATO, I cinquemila piedi di un nuovo curator viarum d’età repubblicana ed il percorso dell’antica via Laurentina, in Misurare il tempo, misurare lo spazio (Atti Colloquio Bartolomeo Borghese), Faenza, 2005, pp. 360-371.

A. BUCCELLATO, Antica via Laurentina. Lavori pubblici, in M.A. TOMEI (a cura di), Roma. Memorie dal sottosuolo. Ritrovamenti archeologici 1980/2006, cat. Mostra, Roma, 2006, p. 464.

A. BUCCELLATO, Il suburbio meridionale attraversato dalla via Laurentina fino alla vallata di Malafede, in M.A. TOMEI (a cura di), Roma. Memorie dal sottosuolo. Ritrovamenti archeologici 1980/2006, cat. Mostra, Roma, 2006, pp. 457-463.

A. BUCCELLATO, L’antica via Laurentina: l’arteria e l’infrastrutture, in Fasti on line, folder 88-2007.

F. ASCANI ET ALII, Evoluzione del paesaggio e antiche vie di drenaggio nell’area de “il Castelaccio” (Roma) da indagini geologiche, geomorfologiche e archeologiche, in Geologica 41, 2008, pp. 93-116.

A. BUCCELLATO, M.L. D’ANNIBALE, C. TORRI, Elementi ricostruttivi del paesaggio suburbano d’epoca repubblicana nel territorio compreso tra la via Laurentina moderna e il corso del tevere, in Suburbium II, Roma 2009, pp. 531-553.

A. BUCCELLATO, P. CATALANO, F. COLETTI, W. PANTANO, La necropoli del Castellaccio Roma (IV sec. a.C.-IV sec. d.C.): il mondo femminile, in Giornale di Storia della medicina, Nuova Serie, 23.1, pp. 41-64.


Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *