Un esempio di approccio multidisciplinare alla ricostruzione della struttura biologica di una comunità antica: il sepolcreto di Castel Malnome (Roma,I-II sec. d.C.).

FIG 6
di Giordana Amicucci , Andrea Battistini , Valentina Benassi, Carla Caldarini, Paola Catalano , Flavio De Angelis , Stefania Di Giannantonio, Romina Mosticone , Walter Benedetto Pantano, Lisa Pescucci, Andrea Piccioli, Flavia Porreca, Silvia Spinelli , Federica Zavaroni

Adeguandosi a quanto avvenuto precedentemente in Inghilterra e in Francia, finalmente anche in Italia si stanno applicando allo scavo dei sepolcreti metodologie d’intervento scientifiche, seguendo criteri di interdisciplinarietà che fino a non molti anni fa erano ignorati, specie per quanto riguarda i contesti inquadrabili cronologicamente in epoca imperiale.

In particolare, nel territorio di competenza della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma, si sta da tempo tentando di superare quei canoni estetici che per troppo tempo hanno limitato l’approccio della scuola archeologica italiana allo scavo delle sepolture, dando la giusta rilevanza alla messa in luce, alla documentazione ed al recupero dello scheletro, vero protagonista del rito funebre e della tomba. A tal fine, nell’ambito delle attività del Servizio di Antropologia della Soprintendenza, si sta procedendo servendosi direttamente sul campo delle competenze specifiche della figura professionale dell’antropologo fisico. Standardizzando le metodologie d’intervento, di documentazione e di elaborazione statistica dei dati, si sta tentando di ricostruire il panorama sociale nel quale si muoveva la popolazione della più grande città del mondo antico. In merito al progetto: Roma, Tevere, Litorale: 3000 anni di storia, le sfide del presente si propone di applicare tali metodologie a tutto il territorio della valle del Tevere, integrando i dati già in possesso del Servizio di Antropologia della Soprintendenza con quelli rilevati dagli altri istituti di ricerca che operano nell’area e di estendere a tutto il materiale antropologico recuperato adeguate indagini di laboratorio.

A titolo esemplificativo, si propone in questa sede quanto rilevato nel corso dello scavo (condotto sotto la direzione archeologica di Laura Cianfriglia, funzionario responsabile del XV Municipio) e dello studio antropologico di Castel Malnome. La necropoli si estende per circa 3000 mq nei pressi di Ponte Galeria, in prossimità della Via Portuense, circa 5 Km al di fuori del Grande Raccordo Anulare (Fig. 1).

FIG 1
FIG 1

L’intervento antropologico effettuato sul campo, tra gennaio 2007 e giugno 2008, ha interessato 306 sepolture e consentito il recupero di 307 individui. Per quanto riguarda il rituale funerario, si osserva che i cremati sono solamente 7 (2,3%).

Le sepolture, generalmente singole, sono tutte del tipo a fossa terragna, nel 56% dei casi provviste di copertura, prevalentemente del tipo alla “cappuccina” (69%), mentre si registrano, con una frequenza nettamente minore, rivestimenti composti da tegole disposte in piano o da frammenti di anfora. Il corredo è presente nel 29,4% delle sepolture ed è costituito per lo più da vasi, lucerne ed unguentari vitrei; è comunque diffuso l’utilizzo della moneta come “obolo di Caronte”. Contrariamente a quanto rilevato nelle altre necropoli romane coeve, il corredo è più frequente nelle sepolture degli adulti piuttosto che in quelle infantili.

FIG 2
FIG 2

Nel 62,4% dei casi le deposizioni sono primarie, nel 36% rimaneggiate, mentre solo l’1,6% sono secondarie o ridotte. Gli inumati si presentano in genere supini (Fig. 2), fatta eccezione per due individui deposti proni e quattro adagiati su un fianco. Gli arti inferiori sono per lo più distesi, mentre per quelli superiori non è stata rilevata una modalità di deposizione prevalente. Nel 42% dei casi in cui è stato possibile osservarla, è presente una forte compressione dello scheletro, sia parziale che totale, dovuta probabilmente a delle fasciature che avvolgevano strettamente il defunto.

Una volta giunti in laboratorio, i materiali antropologici recuperati (generalmente in buono stato di conservazione) sono stati puliti e restaurati, per consentirne le successive analisi.

Al fine di delineare il profilo demografico dell’intero campione, sono stati determinati il sesso e l’età alla morte: gli individui nel 54% dei casi sono di sesso maschile, nel 25% di sesso femminile, nel 14% di sesso indeterminabile (per non aver ancora raggiunto la maturità scheletrica), nel 7% non si è potuta effettuare la determinazione a causa della frammentarietà dei reperti (Fig. 3).

FIG 3
FIG 3

Dal valore della sex ratio (MM/FF= 2,18) si evidenzia che il rapporto tra i sessi è fortemente sbilanciato a favore dei maschi, e quindi non rappresentativo di una popolazione naturale (in cui MM/FF= 1). Le classi d’età alla morte più frequenti sono quelle comprese tra i 30 e i 39 anni (25%) e tra i 40 e i 49 anni (22%), mentre il 17% degli individui è deceduto prima dei 20 anni (Fig.4).

FIG 4
FIG 4

Utilizzando le misure delle principali ossa lunghe, è stato possibile stimare la statura degli inumati ed elaborare i principali indici di robustezza e di sezione, ottenendo così una classificazione costituzionale del campione ed evidenziando eventuali differenze morfometriche legate a fattori dinamici ed ambientali. Mediamente i maschi sono alti circa 167 cm, le femmine 154 cm ed entrambi i sessi presentano una costituzione robusta.

Per delineare lo stato di salute e le condizioni di vita quotidiana del campione di popolazione di riferimento, sono state rilevate le principali affezioni che interessano denti ed alveoli: carie, tartaro, perdite dentarie in vita ed infiammazioni del periodonto, indicando complessivamente una situazione alquanto compromessa. Inoltre, sono stati esaminati, quando lo stato di conservazione lo ha consentito, alcuni indicatori aspecifici di stress, come: l’iperostosi porotica (Fig. 5)(presente in circa la metà del campione), l’ipoplasia dello smalto dentario (estremamente diffusa) e le linee di Harris nelle tibie (poco frequenti).

FIG 5
FIG 5

Nel tentativo di ipotizzare le attività lavorative svolte, si è proceduto al rilevamento delle entesopatie (indicatori di stress muscolo-scheletrici che si osservano sull’osso in corrispondenza delle inserzioni muscolari): al momento lo studio, tuttora in corso, ha interessato 136 individui, evidenziando una discreta incidenza di alterazioni in quasi tutti i distretti scheletrici. Si sta procedendo inoltre ad un’attenta analisi paleopatologica dell’intero campione, concentrando l’attenzione su alcuni casi estremamente interessanti (come ad esempio l’individuo 132, affetto da una grave forma di anchilosi temporo-mandibolare, Fig. 6).

FIG 6
FIG 6

Nel corso degli ultimi anni, le analisi sui reperti antropologici provenienti da siti archeologici si sono evolute da un livello puramente descrittivo ad uno di indagine diagnostica che consente di trarre informazioni quantitative sulla natura dei reperti stessi: attraverso queste nuove tecnologie è quindi possibile ottenere una serie di dati significativi sulla loro struttura chimica, anche in senso diacronico. Una delle applicazioni di tali indagini è il tentativo di ricostruzione della dieta delle popolazioni antiche. Tale approccio fornisce non solo informazioni utili sulla tipologia alimentare, ma supporta anche una serie di dati utili a delineare: aspetti igienico-sanitari, sociali ed economici delle antiche popolazioni.

Allo stato attuale, si utilizza l’analisi di spettrometria di massa convenzionale per lo studio dei rapporti isotopici di proteine rintracciabili nella componente organica dell’osso, in particolare nel collagene, una proteina che viene sintetizzata principalmente a partire dagli alimenti. Pertanto, il rapporto degli isotopi stabili del carbonio (12C/13C o δ13C) e dell’azoto (14N/15N o δ15N) riflette la loro presenza nei cibi assunti in vita da un individuo, o più precisamente durante gli ultimi dieci anni prima della morte. Si stima, infatti, che questo sia il periodo necessario affinché il collagene si fissi nelle ossa umane. I rapporti degli isotopi stabili del carbonio e dell’azoto variano considerevolmente a seconda dei cibi: per esempio, i valori di δ13C possono discriminare popolazioni che si nutrono prevalentemente di alimenti di origine marina da quelle la cui dieta è soprattutto a base di carne. Le informazioni relative all’azoto sono imprescindibili per lo studio della posizione trofica degli individui, riuscendo a discriminare un individuo in base ad una tipologia alimentare vegetariana, onnivora o proteica (terrestre o acquatica). A tal fine, un gruppo di individui è stato sottoposto ad Analisi degli Isotopi Stabili (SIA: Stable Isotopes Analysis). Tale informazione è stata successivamente rapportata alla serie di indagini morfologiche che evidenziano un rapporto diretto, o indiretto, con l’uptake alimentare.

Si auspica di poter estendere, anche nell’ambito del progetto europeo che il convegno Roma, Tevere, Litorale: 3000 anni di storia, le sfide del presente intende presentare, tali metodologie di indagine al materiale antropologico recuperato nel corso degli scavi condotti nell’area dalla Soprintendenza e dagli altri istituti di ricerca che vi operano, al fine di tracciare un quadro esaustivo delle condizioni di vita quotidiana e dei rituali funerari delle popolazioni che nel corso del tempo hanno abitato un territorio di indubbia rilevanza storica e ambientale.


Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *