Ritrovamenti recenti nel territorio del XV Municipio

Ambienti
di Laura Cianfriglia, SSBAR

 Il territorio del XV Municipio è caratterizzato da tre grandi vie di comunicazione: la via Portuense, la via Campana e il Tevere che univano la città di Roma al mare, alle saline e al porto. La viabilità minore costituita da percorsi stradali e da fossi, tra i quali si distinguono per portata il cosiddetto Fosso della Magliana e il Rio Galeria, consentiva il collegamento e le comunicazioni con i territori interni.

Lungo tali direttrici sono stati individuati vari siti, la cui ubicazione e la cui durata sono evidentemente determinati da fattori al momento non individuati e che, date le particolari vicende storiche del territorio – area di confine etnico con la zona di influenza etrusca – sono meritevoli di indagine specifica.
I ritrovamenti coprono un ampio arco cronologico, a partire dall’età eneolitica, anche se, per le caratteristiche territoriali e per le vicende storiche, non hanno la stessa grande densità di concentrazione.

In zona Muratella, nei pressi del complesso dell’Alitalia, è venuta alla luce una tomba a grotticella, databile al periodo eneolitico, all’interno della quale è stata rinvenuta una inumazione con corredo. Uno degli aspetti più peculiari di questo rinvenimento è la conservazione del calco di una sorta di “lettiga” sulla quale era stato deposto il cadavere. Questa particolarità ha spinto ad asportare l’intero blocco di terra e a musealizzarlo all’interno della Drugstore Gallery.

Non molto distante dalla precedente, è una sepoltura a camera risalente al V secolo a. C., caratterizzata dalla presenza di alcuni gradini e da 2 nicchie all’interno delle quali erano collocate due sepolture, una di incinerato e una di inumato con corredo. La struttura trova confronti con alcune tombe di Veio.
Nella medesima località, lungo la scarpata orientale dello stesso pianoro, sono stati rinvenuti dei piani di frequentazione antica con 9 buchi di palo e 8 sepolture in fossa. La cronologia delle deposizioni va dall’età eneolitica all’età arcaica.
Nella Tenuta di Malnome sono venute alla luce alcune tombe di età orientalizzante con corredo.

Progetto: Studio e ricostruzione del territorio nelle varie epoche, con pubblicazione e plastici.

In un’area posta fra via G. Marconi e il Tevere, in Via L. Pierantoni, si è rinvenuto un edificio di età arcaica. I muri sono in scaglie di tufo legate con argilla, conservati per un alzato di circa m 1,10. Tali strutture appartengono ad un insediamento probabilmente di tipo abitativo, databile tra la metà del VI sec. a.C. e la prima metà del V sec. a.C. Il sito, il cui scavo è da completare, costituisce un importante punto di riferimento per la conoscenza della Roma antica dato il notevole stato di conservazione delle murature e la scarsità di strutture di questa tipologia coeve conservate in Roma.

Ambienti
Ambienti

Progetto: completamento degli scavi, restauro, valorizzazione, studio, pubblicazione e ricostruzione in 3D.

In Via Idrovore della Magliana fra la sponda del Tevere e la marrana che correva lungo la valle del Trullo, sono state individuate delle strutture in scapoli di tufo in opera a secco. Tali strutture determinano almeno tre vani: esse proseguono oltre i limiti di scavo, dove è probabile che si trovi una più ampia porzione dell’edificio, databile in età medio repubblicana. Tutte le strutture sono rasate e obliterate dal deposito alluvionale. Il sito deve essere ancora scavato interamente.

Idrovore
Idrovore

Progetto: completamento degli scavi, restauro, valorizzazione, studio e pubblicazione

In via di Ponte Galeria, nella piana alluvionale del Fosso Galeria, sono state individuate una serie di strutture relative ad un abitato, con edifici risalenti al IV secolo a.C. e indizi di fequentazione fino al VI secolo a.C., diffuse su una superficie di poco meno di un ettaro.
Fra le strutture si distingue un ampio ambiente a pianta rettangolare di notevoli dimensioni, in opera quadrata. A sud di questa struttura, sono stati messi in luce resti di abitato con edifici serviti da un sistema idrico e dotati di aree specializzate per l’immagazzinamento di derrate alimentari. Le murature dei numerosi vani sono in opera a secco di tufo misto a scaglie di calcarenite. Notevole è l’ampiezza della struttura e il suo stato di conservazione, considerata la scarsità di strutture di questa tipologia coeve conservate in Roma.

Via Ponte Galeria
Via Ponte Galeria

Progetto: completamento degli scavi, restauro, valorizzazione, studio e pubblicazione

In via di Ponte Galeria, nei pressi dell’incrocio con via Portuense, è stato individuato un edificio in opera poligonale in pietra locale, che potrebbe identificarsi, data la posizione sopra una collina che domina la piana alluvionale del Tevere, con un impianto di fortificazione e di controllo territoriale. Databile al IV – III s.a.C., èuna struttura unica del genere nel territorio di Roma.
Progetto: completamento degli scavi, restauro, studio, pubblicazione e valorizzazione.

Lungo la via Portuense, nell’area denominata Pozzo Pantaleo, è stato individuato un complesso archeologico di notevole estensione e con una tipologia monumentale eterogenea, indagato solo per una minima parte. E’ stato evidenziato un tratto di strada basolata identificata con la via Campana. Lungo tale asse stradale si affacciavano una serie di edifici fra i quali: un monumento funerario con sepolture in formae; un edificio termale con pavimentato a mosaico; resti di strutture in opera mista che farebbero pensare ad una mansio; un mausoleo in opera laterizia con annessi ambienti ipogei in opera mista, riutilizzati come cisterna.

Pozzo Pantaleo
Pozzo Pantaleo

Durante gli scavi si sono potuti identificare vari livelli di frequentazione che fanno datare questo complesso a partire dal I sec. d.C. e con continuità d’uso fino al V sec. d.C.
Nuove conoscenze sulla necropoli lungo la via Portuense sono state acquisite con lo scavo in località Vigna Pia: si tratta di un’area abbastanza piccola, ma con una varietà tipologica molto ampia. Dal colombario, alla tomba con arcosoli e formae, dalla tomba a cassone a quella a cappuccina. L’area è stata musealizzata ed è visitabile su richiesta.

Progetto: completamento degli scavi, restauro, studio e valorizzazione, creazione di un parco archeologico comprendente attività didattiche e di formazione.

In Via Idrovore della Magliana, è stata messa in luce una lunga struttura, realizzata in scapoli di tufo rosso e frammenti di cocciopesto messi in opera a secco. La presenza di contrafforti e la rasatura irregolare di tutte le strutture rivelano le notevoli sollecitazioni alle quali la struttura deve essere stata sottoposta, dovute alle potenti e frequenti spinte provenienti sia dal Tevere sia da fossati e alvei presenti nel territorio circostante. L’arco cronologico sembra compreso tra il I sec d.C. e la metà del II sec. d.C.

Progetto: studio e pubblicazione sulle opere strutturali connesse con il Tevere; i corsi d’acqua come risorsa e come problema

Nei pressi dell’autostrada Roma Fiumicino è stato messo in luce un ampio tratto del cosiddetto acquedotto portuense. Lo studio delle murature ha consentito di identificare diverse fasi edilizie. La parte più antica è da riferirsi all’età claudia, mentre l’ultima fase edilizia è possibile riferirla all’epoca tardo-antica (IV d.C.). Le inondazioni e l’instabilità del terreno alluvionale hanno obbligato a realizzare continui rifacimenti e rinforzi delle murature. Accanto all’acquedotto è stato rinvenuto un percorso stradale glareato probabilmente ultimo intervento nell’area. La presenza di due sepolture lungo la struttura avvalora l’ipotesi di una viabilità di media importanza. La frequentazione della zona e l’utilizzo della struttura sono databili fino al V secolo d.C..
In via di Ponte Galeria, sulla parte bassa del rilievo collinare, sono venuti alla luce resti di un acquedotto di età imperiale. Il ritrovamento di un bolli laterizi datano la struttura in piena età imperiale. Anche questo acquedotto, che percorre tutta la valle dove scorre il Rio Galeria, potrebbe essere collegato come il precedente con le strutture della zona portuale.

Progetto: studio e pubblicazione sui problemi connessi con la realizzazione degli acquedotti e il loro mantenimento.

Presso la tenuta di Castel Malnome è venuta alla luce una necropoli, la più vasta finora rinvenute in questo tratto di suburbio, ed in generale tra le più grandi scavate negli ultimi anni a Roma, avendo restituito più di 300 sepolture.
Le tombe appartengono a ceti umili. Sono a fossa con coperture varie, databili tra gli ultimi anni del I secolo ed il II secolo d.C. Tra i rituali particolari attestati, si segnalano alcune sepolture di infanti o bambini alle quali viene riservato un trattamento differenziato: una straordinaria opportunità per l’approfondimento dei rituali e dei significati simbolici connessi alle morti premature.
Eccezionale è lo stato di conservazione degli scheletri reso possibile dalla natura sabbiosa del sedime di giacitura dell’area.

Progetto: studio archeologico ed antropologico completo del campione di popolazione antica rinvenuto, per ampliare le conoscenze sugli usi ed i costumi funerari delle classi sociali più basse di età imperiale e sulle condizioni di vita reale dei defunti (età media, malattie, professioni svolte, condizioni di vita etc); pubblicazione.

In via della Magliana si trova la cosiddetta Torre del Giudizio: sopra un mausoleo di età romana si è impiantata una torre medioevale. Attualmente la torre, di proprietà demaniale, è occupata da un abusivo.
Progetto: recupero del monumento, restauro, creazione di un punto culturale di riferimento territoriale.

Nel territorio in esame è ubicata la Drugstore Gallery, area espositivo-museale in carico alla Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma; nel tempo essa si sta rafforzando quale laboratorio polifunzionale e centro di ricerca e di convergenze specialistiche, soprattutto per giovani professionisti.

Progetto: qualunque progetto di valorizzazione territoriale dovrà, innanzitutto, prevederne il potenziamento a livello di dotazioni e spazi, le une e gli altri pressoché assenti in questo settore del suburbio. I locali di questa area, dove si conserva parte dei resti della necropoli Portuense, si prestano alla realizzazione di convegni, mostre, laboratori didattici e di studio, etc. Sito web per favorire l’interscambio culturale.


Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *