Scene di vita quotidiana sulla spiaggia di Ostia prima e dopo Adriano. Indizi archeologici dal progetto Ostia Marina

Fig. 4.

di Massimiliano David (Università di Bologna), – Angelo Pellegrino (SSBAR), Stefano de Togni (Università di Bologna) – Marcello Turci (Università di Bologna)

 1. OSTIA, IL MARE E IL TEVERE

 Le ragioni dell’insediamento ostiense discendono direttamente da due fattori evidenti: il mare e il Tevere. La città di Ostia, così come la conosciamo, nasce come appendice di Roma sul mare e come espressione delle esigenze di controllo della foce del fiume, sulla stessa riva sinistra occupata da Roma.

Non sono mancati tentativi moderni di ricostruire la storia del rapporto della città di Ostia con l’ambiente nel quale è inserita. Tutte le ricerche hanno avuto come punto di partenza il 1911 quando la storica prima foto aerea dal pallone fornì l’evidenza di un paesaggio fortemente dinamico a causa della mobilità del corso del Tevere e della ritmata progressione – segnata dai cordoni litoranei – della linea di costa verso ovest, anche se l’ipotesi già avanzata di una progressione di 1,5-2 m all’anno pare inappropriata ai ritmi antichi molto più lenti di quelli moderni (si può invece ipotizzare per l’Antichità un massimo di mezzo metro medio annuo).

I tempi e i modi della trasformazione sono ancora argomento di discussione tra i geomorfologi.

L’ambiente è segnato in epoca storica anche dall’estesa presenza di zone umide semilacustri o paludose con acque in parte salate o salmastre e in parte dolci. E’ convenzionalmente riconosciuta l’esistenza di saline sulla riva destra del Tevere; sulla riva sinistra gli studiosi individuano estesi stagni o addirittura un bacino interno, sfruttato fors’anche come sicuro rifugio portuale.

L’immagine di Virgilio quando descrive la costa ostiense è molto nitida per l’arcaica età di Enea. Il poeta ci lascia immaginare un ampio estuario navigabile che sfociava in mare tagliando un folto bosco (il secondo sbocco a mare – il cosiddetto Fiumicino – è all’origine un canale connesso alle opere realizzate da Traiano per il rinnovamento del porto commerciale di Claudio).

Un tale paesaggio era certamente ben diverso all’epoca di Virgilio a causa del diboscamento e poiché Ostia allungava ormai i suoi tentacoli suburbani verso il mare.

Già dalla prima età imperiale la fascia costiera doveva essere segnata da dighe foranee a protezione degli edifici pubblici e privati, mentre, forse già da allora, era in via di formazione un lungomare che collegava gli insediamenti. In epoca severiana il percorso fu attrezzato e lastricato. L’andamento – peraltro non rettilineo – seguiva probabilmente uno dei cordoni litoranei.

Non esistono ancora studi dettagliati sulle trasformazioni della costa nell’arco dei secoli dell’età imperiale.

Riesce però a trasmettere efficacemente il piacere di una passeggiata sulle rive del mare l’opera apologetica del cristiano Minucio Felice. Egli ci parla anche di barriere frangiflutti (a pettine?) presenti evidentemente in epoca severiana a protezione delle spiagge e dei quartieri suburbani (con ben attrezzati impianti termali) in caso di forti mareggiate.

 2. Il Progetto Ostia Marina (M.D.)

Il Progetto Ostia Marina prende avvio nel 2007, nell’ambito della convenzione stipulata tra la Soprintendenza Archeologica di Ostia Antica e il Dipartimento di Archeologia (ora di Storia, Cultura, Civiltà) dell’Università di Bologna. L’area interessata dalle indagini del Progetto è la zona suburbana di Ostia Antica detta di Porta Marina[1] (fig. 1).

Fig. 1.
Fig. 1. Planimetria generale dell’isolato con i settori A e B del Progetto Ostia Marina. I circoletti indicano le aree qui prese in considerazione (dis. G. Orofino – M. Turci).

La ricerca si svolge attualmente nell’isolato IV, ix, da una parte, prendendo in esame l’esplorazione di un complesso termale pubblico nel settore A. Esso è stato denominato Terme del Sileno, a seguito del rinvenimento di un fregio marmoreo con decorazione a maschere bacchiche. Il complesso è databile in epoca adrianea e più precisamente nella seconda metà degli anni Venti del II secolo d.C. I risultati dell’indagine sono molto interessanti per la documentazione dei meccanismi di trasformazione dell’edificio in epoca tardoantica e per le forme di degradazione ambientale successive e i casi di attività di spoliazione evidenziabili stratigraficamente.

L’indagine concentra la sua attenzione anche su un settore nel quale sono presenti edifici a carattere privato in opera mista. In questa zona è stato possibile documentare le fasi di vita precedenti l’apertura dei cantieri adrianei (ante 134 d.C.) risalendo nel tempo fino all’età augustea.

 

3. Prima di Adriano (settore B)

Il settore B comprende la parte orientale dell’isolato IV, ix. Le indagini si sono concentrate sulle costruzioni che si affacciavano su via della Marciana, sorte nella tarda età adrianea come testimonia un bollo in opera (134 d.C.) visibile nella risega di fondazione[2]. L’ambiente 1 (fig. 1) (misurante rispettivamente 4,5 x 3,7 metri) è probabilmente un retrobottega che era dotato di un pavimento a mosaico bianco e nero[3]. All’interno di questo spazio, un’area relativamente ristretta di circa 6,1 metri quadrati, tra il 2011 e il 2012, è stato possibile riconoscere una sequenza stratigrafica che documenta sia le fasi post-adrianee sia le fasi antecedenti, fino alla falda acquifera.

La successione stratigrafica si può schematizzare in quattro fasi (fig. 2).

Fig. 2.
Fig. 2. Sezione stratigrafica con evidenziazione degli strati pre-adrianei. In giallo sono indicati gli strati a matrice sabbiosa (dis. S. De Togni).

Una prima fase, la più antica, è caratterizzata da spessi strati sabbiosi, interpretabili come l’antica spiaggia vera e propria, induce a immaginare per il periodo databile intorno alla prima metà del I secolo d.C. una scarsa frequentazione antropica. La presenza di un manufatto ligneo, qui rinvenuto (US 1137), potrebbe essere riferita all’azione del moto ondoso (fig. 3).

Fig. 3.
Fig. 3. Reperto ligneo in corso di scavo in US 1137 (foto M. Rossi).

Esso conteneva nove chiodi, quattro dei quali in bronzo.In un secondo momento, quando il mare è leggermente più lontano, è costruita una possente struttura in conglomerato cementizio (USM 1136). La struttura sembra databile, sulla base di un sesterzio di Claudio[4], alla metà del I secolo d.C. E’ possibile ipotizzare che si tratti di sostruzioni, forse pertinenti ad un pontile. I frammenti laterizi rinvenuti in US 1133 sembrano collegabili alle operazioni di demolizione.

La terza fase è caratterizzata da una successione di strati argillosi compatti alternati a strati sabbiosi. Tale situazione è stata probabilmente determinata dall’avvicendarsi di esondazioni fluviali e periodici apporti marini. Qui è stata rilevata la presenza di vari ami (fig. 4) e attrezzi per la pesca, con abbondante malacofauna.

Fig. 4.
Fig. 4. Ami in bronzo dagli strati della fase III (foto S. De Togni).

Come testimoniano le buche di palo e i battuti (su i tre livelli USS 1123, 1114 e 1105), qui si impiantarono, forse, povere strutture lignee, come ricoveri per barche o baracche stagionali (fig. 5).

Fig. 5.
Fig. 5. Immagine zenitale di uno dei battuti tagliato da buche di palo (US 1114) (foto S. De Togni).

La quarta fase vede l’impiantarsi del piano di cantiere adrianeo.

4. Dopo Adriano (settore A)

Nel 2012 è stata iniziata un’indagine che interessa un’area di 74,35 metri quadrati nella zona meridionale dell’isolato IV, ix. L’area si trova al limite del complesso termale, che appare marginato da una fascia di rispetto. L’ambiente ad est di questa fascia di rispetto, che funge da sottoscala (amb. 2), è stato scavato parzialmente nel 2009: esso era dotato di una pavimentazione laterizia di atà adrianea in spicatum[5].

Nella zona ad ovest (fig. 6) del muro perimetrale orientale dell’impianto termale (USM 64) si trova un grande ambiente (amb. 3) caratterizzato dalla presenza di una nicchia semicircolare sul lato est del diametro di m 3,00. Alle spalle è stato messo in luce un vano (amb. 3b) di forma triangolare.

Fig. 6.
Fig. 6. Planimetria delle strutture rinvenute nel settore A (dis. M. Turci).

Quest’ultimo è scavato fino a raggiungere un condotto fognario posto sotto al livello pavimentale e collegato mediante una caditoia di forma trapezoidale. La pavimentazione era stata completamente spoliata; l’ambiente è collegato con l’esterno mediante una porta larga m 1,20. La sua collocazione, in uno spazio di risulta dell’edificio termale, e la presenza della caditoia fanno ipotizzare che l’ambiente fungesse da latrina.

La fogna, che corre parallela all’USM 64, con spallette in opera laterizia e copertura massiva alla cappuccina, presenta un’altezza di m 1,42 e una larghezza di m 0,52. Il fondo è in mattoni. Viste le dimensioni considerevoli e l’andamento può essere considerato un collettore primario dell’impianto termale che scaricava direttamente in mare.

Il collettore, realizzato contestualmente all’impianto termale, si presentava completamente ostruita da strati di sabbia marina. Questi livelli di sabbia si devono considerare successivi alle attività di spoliazione.

Nella zona ad est dell’USM 64 è stato effettuato un saggio delle dimensioni di m 3,00 x 3,50 nella zona interessata dal vicolo. Anche qui lo scavo ha evidenziato una profonda attività di spoliazione.

Questo dato rappresenta un’ulteriore conferma per l’attribuzione di queste murature e del vano sottoscala ad un unico edificio di età adrianea che gravita su via della Marciana.

Anche in questo settore, al di sotto dell’arativo (US 0) e di uno strato di riporto ricco di laterizi (US 1501), si trova uno spesso deposito di sabbia marina (US 1502), che presenta le medesime caratteristiche della sabbia documentata ad ovest dell’USM 63.

La seconda fase documentata corrisponde ad una spoliazione che fu radicale e riguardò l’intero ambiente 3b. Purtroppo, come accade spesso per le fasi di spoliazione, manca materiale datante che permetta di inquadrarla cronologicamente.

L’ultima fase attestata è rappresentata dagli spessi depositi di sabbia marina di formazione naturale per azione del vento e dunque legate a fenomeno della formazione di dune marine o forse in conseguenza della regressione marina ascrivibile ad ambito post-classico[6].


[1]  M. DAVID – A. PELLEGRINO – M. TURCI, “Ostia (Roma)”, Ocnus, 17 (2009), pp. 198-202.

[2] Si tratta di un bollo di Serviano console per la terza volta, datato al 134 d.C., che fornisce un sicuro  terminus post quem per la fondazione dell’edificio.

[3] Cfr. M. DAVID – S. DE TOGNI, « ‘Pavimenta struere’. Archeometria e tecnologia in un pavimento a mosaico di epoca imperiale romana dagli scavi del Progetto Ostia Marina », in Atti del XVII Colloquio dell’Associazione italiana per lo studio e la conservazione del mosaico (Teramo, 10-12 marzo 2011), a cura di F. Guidobaldi e G. Tozzi, Tivoli 2012, pp. 241-248, ill. 8 (con appendice di L. Campanella, A. Macchia e A. Morricone).

[4] RIC 98.

[5] Cfr. M. David – M. Turci, « ‘Testacea spicata tiburtina’. Nuove osservazioni da recenti indagini ostiensi », in Atti del XVI Collquio dell’Associazione italiana per lo studio e la conservazione del mosaico (Palermo-Piazza Armerina, 17-20 marzo 2010), pp. 267-275.

[6] L’alternarsi di fasi di allontanamento e di ritorni del mare, alla luce delle indagini archeologiche più recenti, è ormai ben documentato. Cfr. C. Pavolini, « Saggi di scavo lungo la via Severiana ad Ostia », Archeologia laziale, 3 (1980), p. 120.

 


Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *