Preistoria e Protostoria nel territorio di Roma. Modelli di insediamento e vie di comunicazione

Fig. 5
di Anna De Santis, Gianfranco Mieli, Renato Sebastiani (SSBAR)

Il servizio di Preistoria e Protostoria della SSBAR ha avviato fin dal 1981 un progetto di ricognizione sistematica del territorio di Roma con lo scopo di individuare le presenze di età preistorica e protostorica e le caratteristiche specifiche dell’insediamento nei vari periodi.

Questo progetto è stato concepito come una ricerca sistematica, finalizzata a chiarire le fasi più antiche dell’insediamento nel territorio romano, ricostruendone le caratteristiche per i vari periodi, con l’integrazione di dati archeologici e ambientali, collegando la conoscenza scientifica con l’attività di tutela.
Il lavoro sul terreno è stato condotto su tutto il territorio della SSBAR, corrispondente ad un’area di ca. 800 kmq, con l’eccezione della città storica e delle aree limitrofe interamente urbanizzate. Questa prima parte del progetto è stata completata fra gli anni 1981 e 1987 quando tutti i risultati furono riversati nella Carta dell’Agro Romano del Comune di Roma, venendo a formare il primo e ancor oggi unico, strumento generale di tutela riconosciuto delle presenze preistoriche e protostoriche nell’area romana.

Semplici ragioni di divisione amministrativa degli uffici periferici del Ministero per i Beni e Attività Culturali, esclusero allora dalla ricerca il territorio di Ostia e Fiumicino.
Attualmente si sta lavorando alla revisione e all’aggiornamento dei siti e del database e alla costruzione di un GIS. La creazione di una banca dati, da aggiornare costantemente,e di un più generale strumento di analisi spaziale dei dati, permetterà infatti non solo una conoscenza sistematica per l’insieme del territorio per i periodi più antichi, ma soprattutto una migliore programmazione e realizzazione sia degli interventi e provvedimenti di tutela, sia degli interventi conoscitivi, di fruizione e di valorizzazione del patrimonio.

Sul principio dell’interdipendenza tra ricerca e salvaguardia è stato infatti possibile avviare una campagna di provvedimenti di tutela sottoponendo a vincolo archeologico diretto e di comprensorio ex Lege 1089/39 e 431/85, recepite dal D. Lgs. 42/2004, numerosi siti identificati, la maggior parte dei quali proprio nella zona meridionale del territorio della Soprintendenza, direttamente interessata dal progetto Tevere, corrispondente al XII Municipio e alle aree di confine con il territorio ostiense. Si tratta di decine di siti che coprono un lasso cronologico lunghissimo, tra il paleolitico e l’età orientalizzante.

Il metodo di lavoro utilizzato è stato in parte già illustrato insieme con i risultati preliminari delle campagne di ricognizioni (Bietti Sestieri, Cazzella, Moscoloni, Sebastiani 1983, p. 11ss: tav. I; Bietti Sestieri 1984, p. 11ss.; Bietti Sestieri, Sebastiani 1986). Si ricordano in breve le linee generali.
La base cartografica utilizzata per il lavoro sul terreno è costituita dai fogli aerofotogrammetrici in scala 1:10.000 del PRG del Comune di Roma (Fig. 1).

Fig. 1
Fig. 1: Quadro d’unione dei fogli aerofotogrammetrici del PRG del Comune di Roma in scala 1:50..000

Il terreno è stato suddiviso in unità di ricognizione, ognuna descritta in una scheda, determinate sulla base della morfologia e di altri tipi di delimitazioni anche artificiali (es. tipi diversi di colture o di utilizzazione, ecc.). Le unità di ricognizione sono state distinte in 4 tipi sulla base del grado di osservabilità del terreno e delle possibilità di esplorazione:
1. area esplorata con buone condizioni di osservabilità: terreni agricoli arati;
2. area esplorata con cattive condizioni di osservabilità, che necessita di ulteriori ricognizioni: terreni incolti con vegetazione rada, terreni con colture in atto, terreni fortemente manipolati, ecc.;
3. area non esplorabile (con indicazione di possibilità di esplorazioni future): presenza di macchia o bosco, terreni incolti con fitta vegetazione, terreni adibiti a pascolo, terreni occupati da colture;
4. area non esplorabile perché interessata da interventi che hanno compromesso definitivamente la possibilità di osservazione (sbancamenti, cave, cantieri, discariche, edificazioni, ec.).

All’interno dell’unità di ricognizione, i siti identificati (intesi come concentrazioni di materiali archeologici in spazi delimitati) sono corredati da singole schede che registrano i dati relativi a posizione (cartografia IGM e PRG), geomorfologia, pedologia, caratteri di giacitura (estensione dell’area di rinvenimento, distribuzione e grado di concentrazione dei materiali), descrizione e attribuzione cronologica ed eventualmente culturale del complesso. I siti e la relativa estensione sono stati localizzati sulla base cartografica con una numerazione progressiva interna ad ogni foglio, mentre le presenze di materiali isolati (non identificabili come siti) sono state registrate nelle schede di unità di ricognizione. Una relazione dettagliata è stata redatta per ognuno dei fogli oggetto di ricognizione.
Per quanto riguarda il problema specifico delle vie di comunicazione fluviali e del rapporto con l‘insediamento nei vari periodi, è stata redatta una carta dei fiumi, sulla base del quadro di unione dei fogli aerofotogrammetrici del PRG del comune di Roma, in scala 1:50.000 (Fig. 2).

Fig. 2
Fig. 2: Carta idrografica in scala 1:50.000

Nella carta sono rappresentati i principali corsi d’acqua presenti nel territorio esaminato, suddivisi in due gruppi, sulla base di un confronto fra i dati risultanti, per ogni fiume o valle fluviale, dalle carte geologiche e dalla carta dei suoli.
Il primo gruppo (A) comprende Tevere e Aniene, gli unici due veri fiumi dell’area considerata, che hanno caratterizzato la storia idrografica del territorio in esame; al secondo gruppo (B) appartengono tutti gli altri corsi d’acqua.
Il gruppo B è stato suddiviso in due sottogruppi, B1 e B2. Il primo comprende i corsi d’acqua che occupano valli fluviali di una certa ampiezza e con depositi alluvionali consistenti; ciò implica la presenza di un corso d’acqua non trascurabile durante il Quaternario e che doveva quindi essere rilevante nell’idrografia locale.
Nel secondo rientrano sia i corsi d’acqua che, pur avendo una incisione definita, sono privi di un riempimento alluvionale, sia gli affluenti minori e i piccoli impluvi.
L’importanza idrografica di questo sottogruppo è relativa, in quanto è probabile che l’età di formazione di gran parte di questi corsi d’acqua sia più recente di quella dei fiumi del sottogruppo B1.

Fig. 3
Fig. 3: Particolare della parte finale del corso del Tevere con i suoi affluenti; in rosso i siti individuati durante il progetto di ricognizioni del territorio della SSBAR non suddivisi per periodi cronologici

Questa suddivisione è basata sull’idrografia attuale e sull’analisi della morfologia, per cui il suo significato soprattutto per i periodi più antichi è limitato se si tiene conto dei mutamenti subiti dal territorio dell’area romana, dovuti a variazioni delle linee di costa, a episodi vulcanici e tettonici e, specialmente in tempi storici, al dissesto provocato dall’attività antropica.
I siti sono stati analizzati sulla base di una scheda articolata in 68 parametri, relativi a cronologia, condizioni di giacitura, geologia, morfologia, distanza dai corsi d’acqua, pedologia.
Attualmente, come già detto, si è avviato il lavoro di verifica e aggiornamento dei dati e alla costruzione di un GIS (Figg. 3 e 4).

Fig. 4
Fig. 4: Carta geologica con i siti individuati durante le ricognizioni indicati in blu

Nonostante le limitazioni dovute al tipo di documentazione e al proseguimento della ricerca, sono stati ottenuti risultati di estremo interesse sui modi di integrazione dei gruppi umani fra loro e in relazione con il territorio, in senso sia sincronico che diacronico (Bietti Sestieri, De Santis 2007) .
Per esempio per quanto riguarda più direttamente il corso del Tevere verso la foce e i suoi affluenti, sembra interessante sottolineare la differenza progressivamente più accentuata fra le due rive del Tevere che va messa probabilmente in relazione con una differenziazione etnica e culturale già definita nella tarda età del bronzo e verosimilmente regolata da rapporti di tipo “politico”. Questo processo si sviluppa in particolare con gli inizi dell’età del Ferro, quando le tendenze emerse durante la tarda età del Bronzo si consolidano in una forma definita di organizzazione territoriale. Per quanto riguarda il comprensorio fra il corso dell’Arrone, il Tevere e il mare, l’insieme delle evidenze mostra chiaramente una organizzazione del popolamento centralizzata e gerarchica, per la quale, almeno dall’VIII secolo a.C., Veio sembra essere il punto di riferimento politico ed economico (Fig. 5).

Fig. 5
Fig. 5: VIII-VII sec.a.C. , siti individuati lungo il corso dei fossi Galeria e di Malafede.

Un ruolo di particolare importanza ai fini del popolamento di questo territorio sembra aver avuto la valle del fosso Galeria e dei suoi affluenti. Nello spazio di pochi chilometri, più nuclei insediativi si dispongono lungo le due rive del fosso: Santa Rufina, Quarto della Vipera, Monte Roncione, Prati Madonna, Pantano di Grano, Monte Ficone, ecc. La spiegazione va probabilmente ricercata nel ruolo economico assunto dal fosso Galeria in questo momento. Il corso del fosso Galeria, che si getta nel Tevere di fronte a Ficana, sembra costituire infatti una direttrice di traffico da Veio e il suo territorio verso il Lazio, che, attraverso Ficana, proseguiva per Castel di Decima da dove volgeva verso l’area costiera, cioè verso Lavinio, Ardea, Satricum, Anzio. I numerosi piccoli nuclei di insediamento localizzati in territorio laziale, a metà strada fra Ficana e Decima, lungo il corso del fosso di Malafede, altra importante via di comunicazione, come Trafusa, Villaggio Azzurro, Tor de’ Cenci, Casale della Perna, Casal Brunori, Torrino, Colle San Ciriaco, tutti databili alla fine dell’VIII e al VII sec. a.C., possono essere sorti in parte proprio in relazione a questo percorso, con una precisa funzione di carattere economico, cioè di controllo delle vie di comunicazione e di gestione dei traffici (De Santis 1995).
Tornando in conclusione a quanto già detto, i limiti amministrativi hanno escluso il territorio costiero (Ostia e Fiumicino) da questo progetto, territorio che è stato a sua volta oggetto di un intervento paragonabile portato anch’esso alla discussione in questo convegno.
Il progetto che qui viene presentato è l’unione dei due progetti, con il confronto scientifico dei metodi usati e dei risultati raggiunti, creando un GIS per la preistoria del territorio di Roma fino al mare.

Bibliografia:
A.M. Bietti Sestieri, A. Cazzella. M. Moscoloni, R. Sebastiani, “Progetto di ricognizione sistematica del territorio di Roma”, in Roma Archeologia e Progetto, Roma 1983, pp. 11-.
A.M. Bietti Sestieri, a cura di, Preistoria e Protostoria del territorio di Roma, Roma 1984, pp. 11-74.
A. M. Bietti Sestieri, R. Sebastiani, “Preistoria e protostoria nel territorio di Roma. Modelli di insediamento e vie di comunicazione”, in Il Tevere e le altre vie d’acqua del Lazio antico, Archeologia Laziale VII, Quaderni AEI XII, Roma 1986, pp. 30-70.
A.M. Bietti Sestieri, A. De Santis, Il Lazio antico fra tarda età del Bronzo e prima età del Ferro: gli sviluppi nell’organizzazione politico-territoriale in relazione con il processo di formazione urbana, in Atti della XL Riunione Scientifica IIPP, Firenze 2007, pp.205-230.
A. De Santis, “Alcune considerazioni sul territorio veiente in età orientalizzante e arcaica”, in G. Bartoloni, a cura di, Le necropoli arcaiche di Veio, Roma 1997, pp. 101-143.


Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *