La composizione multietnica della popolazione ad Ostia e Portus

di Antonio Licordari  e Angelo Pellegrino, (SSBAR)

Lo strumento più importante per lo studio della popolazione del delta del Tevere sono le iscrizioni. Ostia, dopo Roma, è la città che ne ha lasciato il numero più cospicuo, circa 9.600. Disposte nell’arco di cinque secoli, dal I al V d.C., possono essere così ripartite per area di riferimento:
– da Ostia, circa 8.500
– da Porto/Isola Sacra, poco più di un migliaio
– dalle aree adiacenti, corrispondenti alle attuali località di Acilia, Castelfusano, Castel Porziano, una quarantina.
Un primo esame significativo riguarda la lingua utilizzata
– latine, 9360
– greche o parzialmente tali, 225 (102 da Porto).
Si nota subito come Porto che ha soltanto il 15% delle iscrizioni complessive, ne ha poi quasi la metà in lingua greca. Questo fatto depone a favore di una più consistente presenza di abitanti di origine orientale, con tutto quanto ne consegue anche in termini di culti, e la cosa può essere anche confermata per altra via.

Dalle epigrafi disponibili si estraggono i nominativi di circa 14.400 abitanti, la cui individuazione va dalla formula onomastica completa a frustuli insignificanti.
La popolazione maschile ammonta a circa 10.500 unità, quella femminile a circa 3.400.

L’analisi dell’onomastica (cognomi), pur con tutte le riserve che questo metodo presenta, dà una percentuale di cognomi etimologicamente latini del 55%, grecanici del 44%, appena l’1% il resto, prevalentemente semitici.

L’impressione che se ne ha è di una popolazione di livello sociale non molto elevato. Circa un sesto dei nominativi conservati offre l’indicazione esplicita della propria condizione giuridica e la prevalenza netta è data dai liberti e dai peregrini (il 60%), poi vengono i cittadini (ma sono per lo più discendenti di liberti), poco più di un centinaio gli schiavi.

La condizione libertina è evidente anche nei gentilizi (Iulius, 590 attestazioni; Flavii 330, Claudii 320, Aurelii 290, Cornelii 270); un caso a parte è dato dalla famiglia ostiense di maggior rilievo, quella degli Egrilii, con 310 casi. Gli Egrilii però hanno scarsa diffusione a Porto. I gentilizi portuensi sono differenti e fanno pensare a una comunità sviluppatasi separatamente e sfalsata nell’andamento cronologico nel senso che ha raggiunto il suo apice almeno un secolo dopo Ostia e comunque rimasta in vita fino ad epoca considerevolmente più tarda. Le iscrizioni del IV-V sec. d.C. sono prevalentemente portuensi.

Naturalmente alla condizione giuridica non corrisponde quella economica, perché il tipo di sepoltura (tombe, sarcofagi, urne), le clausole testamentarie e le prescrizioni inerenti si addicono a individui di un certo livello di reddito. Altrettanto dicasi per gli atti di liberalità e le elargizioni.

L’attività prevalente è ovviamente connessa con gli impianti portuali e l’attività commerciale in genere, regolamentata attentamente e esercitata all’interno di associazioni professionali. La presenza nelle corporazioni è molto consistente, come si può notare dall’esame degli albi che registrano con scrupolosa precisione i nominativi degli aderenti. Se ne sono conservati circa 140 che riportano complessivamente 3.300 associati. Di questi però ben l’87% viene da Ostia, il restante 13% (cioè 420 nominativi) da Porto. La situazione è inoltre falsata dall’iscrizione portuense XIV 256, che da sola riporta 358 nomi. Gli altri albi portuensi sono appena otto. Buona parte di questi documenti sono databili al II sec. d.C. e più precisamente alla seconda metà; proseguono con minore accuratezza formale e di contenuto anche nel secolo successivo, ma si fermano intorno al 270, che è poi l’epoca che segna il disfacimento della vita cittadina ad Ostia e il trasferirsi dell’attività a Porto.

La caratura multietnica della popolazione ostiense e portuense appare evidente anche per le importanti attestazioni di culti non legati alla comune matrice religiosa greco-romana. Ostia, essendo il principale emporio del mondo occidentale su cui convergevano le merci di tutti i paesi del Mediterraneo e dell’Asia con cui Roma intratteneva rapporti commerciali, si caratterizza anche per la presenza di numerose testimonianze di religioni orientali in età repubblicana ed imperiale. I luoghi in cui venivano esercitati tali culti in genere erano stati scelti tra le aree più periferiche della città, essenzialmente perché queste dovevano rappresentare le zone ancora rimaste libere nel contesto urbano cittadino per ospitare nuovi quartieri di stranieri o di gente di passaggio
Va anzitutto ricordato il culto della Magna Mater, dea della fertilità, i cui riti complessi si svolgevano negli ampi spazi del c.d. Campo della Magna Mater presso Porta Laurentina. Introdotto, secondo quanto si conosce dalle fonti storiche (Ovidio, Fasti, IV, 291-328) già alla fine del III sec. a.C., in realtà – come hanno dimostrato recenti ricerche condotte da una équipe di archeologi spagnoli – cominciò a diffondersi ad Ostia solo a partire dall’età claudia. Va rilevato che il culto era gestito da gente di umili origini ma che ebbe anche lunga durata, almeno fino alla seconda metà del IV sec. d.C. quando un importante personaggio, Ceionio Rufio Volusiano portò un dono votivo nel sacello di Attis.
Pure il santuario egizio di Serapide rivestì notevole importanza: lo si deduce dal giorno stesso della sua inaugurazione, il 24 gennaio del 127 d.C., corrispondente non a caso con la data di nascita dell’imperatore Adriano. Il complesso, sorto presso via della Foce, era molto articolato e comprendeva, intorno alla metà del II sec. d.C., anche le Terme della Trinacria e il caseggiato di Bacco ed Arianna. Fu realizzato grazie agli interventi di una importante famiglia, la gens Caltilia, che sostanzialmente ne gestiva il culto a diversi livelli, dai liberti arricchiti alle maggiori figure istituzionali. È probabile che tale interesse sia da mettere in relazione con le attività commerciali di cui i Caltilii si occupavano con profitto. Infatti una tale situazione non può che essere il riflesso del trasferimento della flotta annonaria alessandrina dal suo approdo finale a Pozzuoli a quello di Ostia –Portus.
Anche il culto di Iside ebbe parimenti larga diffusione, essendo la divinità considerata quale protettrice della navigazione: infatti il 5 marzo venivano celebrate le feste ufficiali per la ripresa della navigazione, note sotto il nome di Navigium Isidis, ed è probabile che si svolgessero ad Ostia. Non a caso tale cerimonia è rappresentata in una pittura di una tomba della Via Laurentina, mentre un altro affresco ostiense mostra una nave con il nome, non casuale, di Isis Geminiana.
Dai dati in nostro possesso si potrebbe arguire con una certa logica che il luogo di culto si trovasse presso la riva sinistra del Tevere, tra Palazzo Imperiale e il Capitolium.
La venerazione per il dio persiano Mitra, documentata da 18 mitrei e diffusa da militari originari della Mesopotamia o anche da legionari romani impegnati in Asia centrale, è un fatto troppo conosciuto perché se ne parli ulteriormente in questa sede.
Va piuttosto segnalata anche la presenza di altri culti sicuramente meno diffusi ed attestati: quelli siriaci di Iuppiter Heliopolitanus e di Marnas, agli altri traco-frigi di Iuppiter Sabazius e della Dea Caelestis, gli altri ancora del cavaliere Trace, del Sole e di Afrodite Caria. In tal caso essi devono considerarsi come la testimonianza non di culti ufficiali, ma l’espressione di dediche legate all’origine etnica dei singoli dedicanti.


Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *