Il territorio ostiense nel Medioevo e nel Rinascimento

Fig.1
di Simona Pannuzi, Istituto Superiore per la Conservazione ed il Restauro-Roma, già archeologo direttore coordinatore presso SSBAR- sede di Ostia

Malgrado lo spopolamento del territorio ostiense avvenuto dopo i primi sacchi barbarici dei Visigoti e dei Vandali, nel corso del V secolo d.C., e poi durante la guerra greco-gota nella prima metà del VI secolo, con l’abbandono, probabilmente progressivo, della città di Ostia, si vennero a determinare nuove dinamiche di utilizzo di quest’area costiera con la nascita alla metà del IX secolo del nuovo insediamento di Gregoriopoli, odierno Borgo di Ostia, come baluardo verso nuove scorrerie saracene che potevano arrivare da mare. L’abitato medievale, cinto da mura con torri, ricostruite varie volte nel tempo, è sopravvissuto fino ad oggi con una chiara impronta urbanistica tardomedievale/rinascimentale, sia nell’impianto edilizio privato che in quello pubblico, nel quale emerge il grande Castello con mastio circolare, costruito tra 1483 e 1486 su strutture precedenti, dal cardinale Giuliano della Rovere, poi papa Giulio II (1).

Fig.1
Fig.1: Castello di Ostia Antica: veduta esterna (in PANNUZI, Il castello di Ostia Antica, cit.2009, fig.1).

Tale Castello, costruito dall’architetto fiorentino Baccio Pontelli, si pone come uno dei migliori esempi di architettura fortificata tardoquattrocentesca italiana, di passaggio tra la vecchia tradizione bellica tardomedievale ed i nuovi sistemi di guerra, caratterizzati dall’introduzione dell’artiglieria (Fig.1). A motivo di un sicuro utilizzo, prima da parte del cardinale Della Rovere, poi della corte papale, il castello fu ingentilito da alcuni particolari comfort. Infatti, la presenza di una stufa con vasca circolare in cui poter effettuare bagni con acqua fredda e calda, proveniente da un articolato sistema di approvvigionamento e di riscaldamento, fa del Castello ostiense un edificio quasi unico nel suo genere. Nei primi del Cinquecento fu poi aggiunto per volere di Giulio II un nuovo corpo di fabbrica sul lato occidentale del cortile, con uno scalone monumentale interamente affrescato, con motivi a grottesca e bellissimi riquadri a monocromo con scene di Ercole, lunette con busti di imperatori e grandi figure probabilmente allegoriche all’interno di nicchie (Figg.2,3)(2).

Fig.2
Fig.2: Castello di Ostia Antica: lo scalone monumentale affrescato (in PANNUZI, Gli affreschi, cit.2009, fig.7).

Questo ciclo di affreschi fu realizzato da vari artisti che in quegli anni lavoravano a Roma per la corte papale, in particolare Baldassarre Peruzzi, coadiuvato da Cesare da Sesto e da Michele del Becca.

Fig.3
Fig.3: Castello di Ostia Antica: particolare degli affreschi dello scalone monumentale con riquadro di Ercole contro i Centauri (in PANNUZI, Gli affreschi, cit.2009, fig.9).

Questa interessantissima decorazione pittorica, dai caratteri figurativi in gran parte unici, si presenta in generale in uno stato di conservazione mediocre, causato dal degrado dovuto all’uso improprio che si è fatto del Castello ostiense nel periodo sette-ottocentesco, prima come fienile e poi come prigione, agli sbalzi termici procurati dall’apertura delle finestre dello scalone, senza vetri fino ad epoca moderna, ed alle infiltrazioni d’acqua dovute a cause diverse (3). In questi ultimissimi anni tali affreschi sono stati restaurati in parte (primo ballatoio e prima rampa) a cura della Soprintendenza archeologica, con il contributo iniziale (nel 2004-2005) anche della Soprintendenza per i Beni Architettonici ed il Paesaggio del Comune di Roma e dell’allora Istituto Centrale del Restauro (ora ISCR). Questi primi interventi conservativi sono stati senz’altro fondamentali per arginare il veloce degrado e per ripristinare la completa visibilità di quanto sopravvissuto dell’apparato pittorico del primo tratto dello scalone, con la rimozione delle patine saline che creavano un diffuso sbiancamento delle pareti e la rimozione degli strati eccessivi di protettivi, stesi durante precedenti interventi. Per il completamento dei lavori, però, c’è ancora molto da fare nelle rampe successive della grande scala, oltre che con interventi diretti sulla pellicola pittorica, anche con una risistemazione generale degli spazi, in particolare riguardo alle aperture verso l’esterno (porte e finestre), all’apparato di illuminazione, al problema microclimatico e alla definitiva sistemazione delle infiltrazioni d’acqua (4).
Durante questi primi interventi di restauro sono anche state effettuate una serie di indagini diagnostiche, al fine di migliorare la conoscenza dello stato di conservazione dell’apparato pittorico e per mettere a punto le più efficaci metodologie d’intervento. Tali indagini, mai effettuate prima su questo ciclo di affreschi, hanno fornito indispensabili elementi per ricostruire la tecnica esecutiva dell’apparato pittorico, per comprendere con chiarezza i successivi interventi, non sempre adeguati, che furono effettuati sulle pitture in tempi lontani, ed hanno contribuito anche ad una più completa lettura dell’impianto decorativo nelle parti maggiormente degradate (5).
Inoltre, all’interno del Castello di Ostia la Soprintendenza archeologica ha realizzato nel 2003 un primo allestimento museale all’interno di alcune sale degli appartamenti papali del primo piano e nelle due stanze superiori del grande mastio circolare (Fig.4).

Fig.4
Fig.4: Castello di Ostia Antica: il nuovo allestimento museale in una delle sale del mastio (in PANNUZI, Il castello di Ostia Antica, cit.2009, fig.24).

In particolare è stata esposta, dopo un nuovo complessivo restauro, la parte principale della collezione di ceramiche tardomedievali e rinascimentali in gran parte ben conservate, rinvenute nel corso del Novecento per lo più durante lavori di sistemazione dell’edificio fortificato. Tali ceramiche, utilizzate dalla corte papale, dai castellani e dalla guarnigione militare del Castello, risultano perciò particolarmente interessanti, in quanto rispecchiano le diverse categorie sociali che frequentarono il castello in età rinascimentale(6).
Nel Borgo, davanti l’ingresso del castello si trova l’antica chiesa di S.Aurea, di fondazione tardoantica, con l’annesso Episcopio. Sappiamo dalle fonti che l’edificio religioso subì varie ristrutturazioni nel corso dei secoli, fino ad una completa ricostruzione con orientamento opposto all’originario probabilmente in epoca quattrocentesca (Fig.5).

Fig.5
Fig.5: Borgo di Ostia Antica, chiesa di S.Aurea: esterno (in S.Pannuzi (a cura di), Il Castello di Giulio II ad Ostia Antica, Roma, 2005, fig.15).

Le forme attuali, con una sola navata, abside quadrata e facciata con timpano triangolare, scandita da lesene con particolari plinti scolpiti con stemmi della Rovere e trofei d’armi sono probabilmente da attribuire alla medesima committenza del cardinal Giuliano e ad un progetto di Baccio Pontelli (7).
Il vicino Episcopio, ricostruito ed ingrandito durante l’epoca rinascimentale, con tutta probabilità in parte anche sulla base di un progetto di Baldassarre Peruzzi, all’interno conserva il grande Salone Riario con un importantissimo ciclo di affreschi realizzati per volere del cardinale Raffaele Riario vescovo di Ostia, poco prima della morte di Giulio II. Gli affreschi, che raffigurano in riquadri a monocromo scene delle guerre daciche, in parte tratte dai rilievi della Colonna Traiana, sono attribuiti allo stesso Peruzzi, con Jacopo Ripanda ed altri artisti tra i quali forse il Beccafumi (8).
L’abitato, in cui sono inseriti questi edifici di così alto valore artistico, ha mantenuto le sue caratteristiche originarie, attribuibili ad una ricostruzione tardo-quattrocentesca, con tre spine di case a schiera con piano terra e primo piano, dalla struttura e dalle misure omogenee (Fig.6).

Fig.6
Fig.6: Borgo di Ostia Antica, veduta dell’abitato dall’alto (in S.Pannuzi (a cura di), Il Castello di Giulio II ad Ostia Antica, Roma, 2005, fig.8).

Queste abitazioni fortunatamente hanno mantenuto in gran parte il loro aspetto originario, avendo subito soltanto limitate ristrutturazioni successive. Altre case si sono successivamente appoggiate alle mura sul lato interno (9). Anche il circuito murario, inglobate sul lato orientale parte dell’antico acquedotto, può in gran parte attribuirsi alla medesima ricostruzione operata dal cardinale d’Estouteville, con tipiche torri circolari agli angoli. L’unica torre quadrangolare conservata presso l’ingresso originario al Borgo sul lato Nord è invece riferibile nella sua struttura originaria ad età precedente medievale (probabilmente secolo XIII) (10).
Nel corso del Medioevo il territorio ostiense fu protetto da alcune torri, alcune delle quali come quella di Dragona con annesso casale, Torre Buffalora e Tor Boacciana, su quella che era allora la linea di spiaggia, poste lungo il corso del Tevere a controllo della foce fluviale (11).
In particolare Tor Boacciana, costruita proprio sulla riva del fiume, su un nucleo in calcestruzzo di età romana, forse riferibile all’antico faro, prossimo ad un complesso di edifici la cui funzione è ancora da comprendere appieno. L’esistenza della torre sembrerebbe testimoniata già alla fine del XII secolo, ma il suo aspetto attuale, dalla pianta quadrata con coronamento di beccatelli che sorreggevano una merlatura ora distrutta, sembra potersi attribuire ad epoca tardo medievale. Nel 1562 la Torre fu sede della dogana pontificia dopo l’alluvione del 1557, che comportò l’allontanamento del Tevere dal Castello di Ostia, originario luogo di esplicazione dei primi obblighi doganali per le merci provenienti a Roma via mare.
Successivamente, la sede della dogana fu spostata a Tor S.Michele, torre di forma ottagonale, inaugurata da papa Pio V nel 1567 ed effettivamente terminata due anni dopo, proprio su quella che era all’epoca la linea di costa, avanzata rispetto a quella medievale ed a quella di età romana. Un’altra torre poco conosciuta del territorio è la Torre di Porto e Fiumicino cd. Niccolina, costruita sull’Isola Sacra probabilmente a controllo dell’allora linea di costa. La torre è attribuita a papa Niccolò V (p.109) e forse ad una ricostruzione di papa Pio V del 1567 (p.166), ma necessita di un’analisi architettonica più dettagliata per comprendere adeguatamente le diverse fasi costruttive ben evidenti. Più recenti nel territorio di Fiumicino sono la Torre Alessandrina e la Torre Clementina (12).
Il territorio ostiense perciò risulta presentare delle emergenze di età medievale e rinascimentale di alto valore culturale, purtroppo molto poco conosciute dal grande pubblico. Una maggiore promozione turistica di tali monumenti e siti, anche con mostre a tema, pubblicazioni, scientifiche e divulgative, aperture straordinarie, contatti più stretti con i mass media, oltre a portare un contributo economico del territorio potrebbe contribuire a sostenere anche la ricerca scientifica su alcuni di questi monumenti, come per esempio le torri, quasi del tutto inedite, e per lo più prive di un adeguato studio storico-architettonico, che necessita di un’accurata ricerca d’archivio e di un’indispensabile documentazione grafica. Inoltre, particolarmente urgente ed importante è il completamento del restauro conservativo degli affreschi del Castello di Giulio II, per impedire una totale perdita della pellicola pittorica, ancora particolarmente deteriorata sulle pareti del vano-scala e sulle volte della quarta e quinta rampa della scala.
Tutti questi interventi di studio, ricerca e conservazione potrebbero senz’altro avere una importante ricaduta sulla tutela archeologica, monumentale e paesaggistica e sulla valorizzazione, con una crescita oltre che culturale anche turistica di questo territorio, attualmente oggetto di una massiccia opera di cementificazione, che rischia di soffocare queste importanti vestigia della storia passata.

NOTE:

1) S. PANNUZI, Il borgo di Gregoriopoli dall’Altomedioevo all’età rinascimentale: analisi della cinta muraria, in S.PANNUZI (a cura di), Il Castello di Giulio II ad Ostia Antica, Documenti di Archeologia Postmedievale , 4, Firenze, 2009, pp.11-22, con bibliografia precedente.
2) S. PANNUZI, Il castello di Ostia Antica: analisi delle fasi costruttive, in S.PANNUZI (a cura di), Il Castello di Giulio II ad Ostia Antica, Documenti di Archeologia Postmedievale , 4, Firenze, 2009, pp.23-60, con bibliografia precedente; S.PANNUZI, N.MASTURZO, Il bagno papale del castello di Ostia Antica, in S.PANNUZI (a cura di), cit. 2009, pp.61-78.
3) S.PANNUZI, Gli affreschi del castello di Ostia Antica, in S.PANNUZI (a cura di), cit. 2009, pp.79-106; L.SPADA et alii, Il restauro degli affreschi del primo ballatoio dello scalone, in S.PANNUZI (a cura di), cit. 2009, pp.107-117.
4) S.PANNUZI, (a cura di), Gli affreschi del Castello di Giulio II, Roma, c.s..
5) Le indagini diagnostiche sono state realizzate da parte dell’ISCR nel 2004-2005 e negli anni successivi dal Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università di Pavia, in collaborazione con i tecnici di ArsMensurae: V.GUIDETTI et alii, Le superfici affrescate del castello di Ostia Antica: prime indagini diagnostiche, in S.PANNUZI (a cura di), cit. 2009, pp.119-131; S.PANNUZI, B.MESSIGA, M.P.RICCARDI, S.RIDOLFI, Indagini diagnostiche sul ciclo di affreschi cinquecenteschi del Castello di Ostia Antica, in Gestione integrata dei Beni Culturali: la politica del restauro (XVIII Salone dell’Arte, del Restauro e della Conservazione dei Beni Culturali e Ambientali, Ferrara 2011), Roma 2011, pp.191-192; contributi autori vari in S.PANNUZI, (a cura di), Gli affreschi del Castello di Giulio II, Roma, c.s..
6) S.PANNUZI (a cura di), Le ceramiche tardomedievali e rinascimentali del Castello di Ostia Antica, Roma 2003; S.PANNUZI, Le ceramiche rinascimentali del Castello di Ostia Antica: il recente allestimento museale, in Le ceramiche di Roma e del Lazio in età medievale e moderna, Atti del VI Convegno di studi, (Segni 6-7/5/2004), Roma 2009, pp.296-307.
7) F.BENZI F. 1981, Un’analisi iconologica: l’ideologia teologico-trionfale in Sant’Aurea, in S.DANESI SQUARZINA, G.BORGHINI, Il ‘400 a Roma e nel Lazio. Il Borgo di Ostia da Sisto IV a Giulio II, Roma 1981, pp.54-67; C.L.FROMMEL, Architettura e committenza da Alberti a Bramante, Firenze 2006; S.PANNUZI, Giuliano della Rovere e Baccio Pontelli: costruzioni militari e religiose a Grottaferrata e ad Ostia Antica, in F.ZAGARI (a cura di), Dalla villa al monastero. Nuovi dati archeologici da S. Maria di Grottaferrata, volume monografico «BAR», c.s..
8) G.BORGHINI, Baldassarre Peruzzi, Cesare da Sesto e altre presenza nell’Episcopio di Raffaele Riario ad Ostia, «Quaderni di Palazzo Venezia», 1, 1981, pp.11-55.
9) S.DANESI SQUARZINA, La qualità antiquaria degli interventi quattrocenteschi in Ostia tiberina, in S.DANESI SQUARZINA, G.BORGHINI, Il ‘400 a Roma e nel Lazio. Il Borgo di Ostia da Sisto IV a Giulio II, Roma 1981, pp.13-53.
10) S.PANNUZI 2006, Le mura medievali del Borgo di Ostia Antica: ipotesi ricostruttive delle fasi edilizie, in Atti del IV Congresso Nazionale di Archeologia Medievale (Chiusino, 26-30 settembre 2006), a cura di R.Francovich, M.Valenti, Firenze, pp.601-606.
11) L.CHIUMENTI, F.BILANCIA 1979, La campagna romana antica, medioevale e moderna. Edizione redatta sulla base degli appunti lasciati da Giuseppe e Francesco Tomasetti. V. Via Laurentina-Ostiense, Firenze 1979, pp.246-257; U.BROCCOLI, I problemi di difesa, in L.BIANCHI, U.BROCCOLI, F.M.MARCHESINI, L.PANI ERMINI, Il sistema fortificato tiberino e le sue infrastrutture nel Medioevo, «Archeologia Laziale», VII, 1986, pp.220-228.
12) CHIUMENTI, BILANCIA, cit. 1979, pp. 386-388; M.D’AMICO, Le torri costiere, in AA.VV., Fiumicino tra cielo e mare, Roma 2000, pp.106-111; P.LARANGO, La torre di Pio V (Torre Niccolina), in AA.VV., Fiumicino tra cielo e mare, Roma 2000, pp.164-174.


Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *