La società umana nell’area ostiense in età romana: dati dagli usi funerari e dall’analisi dei resti ossei

Fig.1
di Simona Pannuzi, Istituto Superiore per la Conservazione ed il Restauro-Roma, già archeologo direttore coordinatore presso SSBAR- sede di Ostia

In occasione di recenti scavi archeologici realizzati, in gran parte durante lavori di pubblica utilità, dalla Soprintendenza ostiense, ora sede di Ostia della SSBAR, nell’immediato suburbio meridionale e sud-orientale della città di Ostia è stata intercettata in più punti la grande area funeraria che in età romana (dalla fine della repubblica-inizio impero alla tarda età imperiale) comprendeva tutto questo esteso territorio. Oltre ad importanti elementi topografici ed architettonici, da queste indagini sono emerse anche nuove testimonianze circa i riti funerari praticati ed i primi dati antropologici riferiti agli inumati ed agli incinerati ostiensi. Infatti, per la prima volta in questo territorio, il dato archeologico è stato affiancato dal dato antropologico, che è stato messo a confronto con gli ormai numerosi contesti analizzati in area romana, portando ad una preliminare ricostruzione delle modalità di sepoltura praticate in un territorio direttamente collegato con Roma (Fig.1, nn.1,2,3) (1).

Fig.1
Fig.1: Località Ostia Antica: localizzazione dei contesti archeologici menzionati sulla base della planimetria di M. HEINZELMANN, Beobachtungen zur suburbanen Topographie Ostias. Ein orthogonales Strassensystem im Bereich der Pianabella, «Roemische Mitteilungen», 105,1998, beilage 1: 1) Area delle indagini archeologiche lungo la Via Ostiense (cantiere ACEA linea elettrica a 150 kV a.2006); 2) Colombario rinvenuto in Piazza Gregoriopoli; 3) Area di necropoli rinvenuta presso il Parco dei Ravennati-Via Gesualdo; 4) Necropoli rinvenuta presso Via di Castelfusano (in PANNUZI, PANTANO, cit. 2011, fig.1).

Inoltre, a circa 2,5 km a Sud della città romana di Ostia, in località Longarina-Stagni, tra via di Castelfusano ed il Canale dei Pescatori, è stato di recente oggetto di scavo archeologico un nucleo di numerose sepolture per lo più ad inumazione in fossa terragna di età medio e tardo-imperiale. Tale contesto funerario era pertinente ad un insediamento abitativo di carattere rustico, localizzato tra quella che era allora la linea di costa e la sponda occidentale dell’antico Stagno ostiense. L’analisi archeologica, associata a quella antropologica, ha permesso di chiarire con precisione che la comunità afferente a questa necropoli fosse di bassa estrazione sociale, volta ad attività pesanti e faticose come il lavoro della terra, probabilmente di classe servile (Fig.1, n.4) (2).
Durante queste indagini in aree funerarie l’analisi antropologica ha affiancato la ricerca archeologica, sia nell’ambito delle attività del cantiere di scavo che successivamente con lo studio in laboratorio dei resti ossei recuperati, anche con la realizzazione di analisi diagnostiche, ove possibile.
In tutti i contesti analizzati, dopo attenta pulizia dei resti ossei, è stato effettuato l’esame morfologico, per la determinazione dello stato di conservazione dei reperti, e lo studio paleodemografico per la determinazione del sesso e dell’età della morte degli individui, inoltre sono stati individuati i caratteri morfometrici dello scheletro postcraniale, la statura degli individui e le loro affezioni dentoalveolari, oltre alle eventuali alterazioni scheletriche morfologiche o patologiche ed agli indicatori di stress. Tutti questi dati, in associazione con l’elaborazione degli elementi ricavati dallo studio del relativo contesto archeologico, hanno consentito di formulare più che plausibili ipotesi sulle condizioni di vita e di salute dei vari campioni di popolazione esaminati.
Per esempio, nel caso dello scavo in via di Castelfusano sopra nominato, sono stati di particolare interesse i dati emersi dalle analisi molecolari, effettuate per verificare il tipo di alimentazione di alcuni particolari individui, determinati da alcune specifiche caratteristiche, all’interno della comunità che viveva nell’insediamento messo in luce dall’indagine archeologica (3). Oltre a ciò, fondamentale per un’individuazione maggiormente precisa della datazione di queste sepolture, in quasi totale assenza di corredo e di altri elementi che potessero contribuire a chiarire tale problema, è stata l’analisi di alcuni frammenti ossei con il metodo del radiocarbonio mediante la tecnica della spettrometria di massa ad alta risoluzione (AMS), effettuate presso il Centro di Datazione e Diagnostica (CEDAD) dell’Università di Lecce.
Inoltre, ancora in corso di redazione definitiva sono alcune analisi genetiche di resti scheletrici, rinvenuti recentissimamente in un cantiere di scavo all’incrocio tra via Ostiense e via di Castelfusano (4). Infatti in quest’area si sono notate numerose sepolture ad inumazione, inquadrabili ad un esame ancora preliminare nella prima/media età imperiale, disposte una sull’altra, anche con orientamento diverso, in molti casi sistemate a breve distanza di tempo tra loro, spesso col danneggiamento della sepoltura più antica o con la sua parziale riduzione. Ciò ha fatto nascere l’ipotesi che possa trattarsi di gruppi parentali ed a questo proposito si sono effettuate le specifiche analisi antropologiche di laboratorio sopra ricordate.
I dati che sono scaturiti dagli studi antropologici sulle sepolture ostiensi, anche messi in relazione con le modalità funerarie utilizzate caso per caso, in ogni particolare zona della grande area funeraria (tipo di sepoltura, corredo, contesto sepolcrale, gruppi parentali, etc.), hanno contribuito in modo determinante ad identificare le classi sociali di appartenenza degli individui presi in considerazione durante la ricerca archeologica.

Fig.2
Fig.2: Località Ostia Antica: planimetria e ricostruzione assonometrica schematica di uno degli edifici funerari rinvenuti lungo la Via Ostiense scavo ACEA- linea elettrica 150KV (documentazione grafica G.Luglio) (in PANNUZI et al., cit. 2006, fig.4).

Da queste recenti indagini perciò si è potuto cominciare ad individuare aree diverse all’interno della grande necropoli ostiense, destinate a differenti gruppi di popolazione. In particolare, lungo la via Ostiense-via del Mare, nel tratto tra la Stazione di Ostia Antica della Ferrovia Roma –Lido ed il Cineland, sono state individuati edifici funerari e tombe di età medio imperiale riferibili alle classi sociali più alte (Figg.2,3)(5), tra le quali si segnala quella di una donna di circa 30-35 anni con una fascia tessuta con fili d’oro in trama e ordito, da considerarsi con tutta probabilità come un ornamento per l’acconciatura (6). Tra queste erano probabilmente anche sepolture riferibili a popolazione ostiense di originaria provenienza orientale (7).

Fig.3
Fig.3: Località Ostia Antica: visione da Nord di uno degli edifici funerari rinvenuti lungo la Via Ostiense scavo ACEA- linea elettrica 150KV (foto F.Cenciotti) (in PANNUZI, CENCIOTTI, cit. 2007, fig.33).

Invece, nell’immediato suburbio di Ostia nell’area adiacente il lato meridionale dell’antico tracciato della via Ostiense prima del suo ingresso in città (oggi via dei Romagnoli), è emerso che questa zona, attualmente occupata da piazza Gregoriopoli e vie limitrofe, era quella destinata in età primo e medio-imperiale alla costruzione di sepolcri di una certa monumentalità utilizzati dal ceto medio-basso. Ciò emerge sia dagli elementi archeologici (tipologia delle strutture funerarie, dati epigrafici, modalità di realizzazione delle sepolture e materiali rinvenuti all’interno del colombario e nelle sepolture), che dall’analisi antropologica effettuata sui resti degli incinerati e degli inumati del colombario di piazza Gregoriopoli, rinvenuto quasi integro (Fig.4).

Fig.4
Fig.4: Località Ostia Antica: veduta generale da nord del colombario rinvenuto a Piazza Gregoriopoli con le strutture adiacenti (foto M.Tantucci) (in TANTUCCI, PANTANO, cit. c.s., fig.12).

Tale studio antropologico, oltre a fornire ulteriori interessanti dati in riferimento agli usi funerari dell’epoca, ha evidenziato scheletri con artropatie correlate a stress biomeccanici, tipici di un gruppo di popolazione, appartenente ad una classe sociale di limitate, ma comunque presenti, risorse economiche, che svolgeva attività di un certo impegno fisico, anche se non particolarmente pesante(8).
Le indagini archeo-antropologiche hanno messo in luce come la necropoli localizzata nell’area suburbana antica più lontana dalla viabilità principale antica (via Ostiense) verso Sud, oggi occupata dal Parco dei Ravennati fino all’incrocio tra la moderna via Ostiense-via del Mare e via di Castelfusano, fosse nell’età imperiale destinata agli strati più bassi della popolazione, in parte forse anche di ceto servile.

Fig.5
Fig.5: Località Ostia Antica: area di necropoli in Via Gesualdo-Parco dei Ravennati: inumazione femminile in posizione prona (foto GEA S.C.ar.l.) (in PANNUZI, PANTANO, cit. 2011, fig.8).

La maggior parte delle tombe rinvenute si riferisce ad inumazioni, tra cui si segnala la sepoltura di una donna prona (Fig.5), con semplici fosse scavate nelle sabbie litoranee, con sepolture affastellate le une sulle altre, con riduzioni e parziali sconnessioni dei resti ossei, lungo muri di recinzione che evidentemente servivano per circoscrivere gli spazi da utilizzare a scopo funerario (Fig.6).

Fig.6
Fig.6: Località Ostia Antica: particolare dell’area funeraria rinvenuta nel Parco dei Ravennati (foto S.Sbarra-, L.Carboni) (in CARBONI, CATALANO, cit. c.s., fig.20.

Le alterazioni scheletriche causate da stress biomeccanici individuate sui resti ossei rinvenuti indicano che questi individui svolgevano lavori molto pesanti, che prevedevano intense azioni compressive lungo l’asse vertebrale ed in generale un forte impegno funzionale degli arti, anche relativo al sollevamento ed al trasporto di carichi pesanti, attività forse da mettere in relazione con la vicina attività portuale, in cui tali individui potevano essere impiegati, per es. come saccarii. Le precarie condizioni di vita sono state inoltre confermate dagli indicatori aspecifici di carenze nutrizionali e di malattie (9).
Tutti questi dati antropologici vengono perciò ad aggiungere degli elementi storico-sociali inediti, fondamentali per ricostruire la struttura ed i modi di organizzazione della società ostiense in età imperiale.
Sarà perciò necessario continuare tale studio antropologico anche sui ritrovamenti necropolari che in futuro potranno evidenziarsi nel suburbio di Ostia, approfondendo ed ampliando la ricerca grazie anche a più numerose ed articolate analisi su specifici campioni, da decidere di volta in volta in considerazione del contesto archeologico. Inoltre, sarà fondamentale mettere a confronto tutti i dati archeologici ed antropologici emersi in area ostiense con quelli scaturiti dalle necropoli di Ostia e di Porto, ed anche con quelle di altri ambiti del mondo mediterraneo coevi cronologicamente e simili riguardo alla strutture socio-economica della società antica. In questo modo grazie ad uno studio multidisciplinare si potranno acquisire nuovi e rilevanti elementi sulla struttura della società umana della città romana di Ostia.

(* Istituto Superiore per la Conservazione ed il Restauro-Roma, già archeologo direttore coordinatore presso SSBAR- sede di Ostia)

NOTE:

3) S.PANNUZI, W.PANTANO, Sepolture femminili dalle necropoli del suburbio ostiense: nuovi dati dai recenti scavi archeologici, Atti del Convegno Internazionale “Essere Donna tra protostoria e tardoantico: archeologia, medicina e antropologia”, Roma (16- 17 ottobre 2009), «Giornale di storia della medicina», 23, 2011, pp.259-290: nei laboratori dello Smithsonian Institute di Washington è stato effettuato lo studio degli isotopi stabili, considerando il rapporto carbonio (δ13C) – azoto (δ15N), misurato nel collagene estratto dai reperti ossei.
4) Le analisi sono state realizzate dalla dott.ssa Romina Mosticone, con la supervisione della dott.ssa Paola Catalano, responsabile del Servizio di Antropologia della SSBAR. Le complesse indagini preventive in oggetto, effettuate sotto la direzione di chi scrive per la Soprintendenza archeologica e diversificate in più aree di scavo in relazione al progetto di rifacimento dell’incrocio stradale tra via Ostiense e via di Castelfusano da parte del Comune di Roma, si sono concluse recentemente e saranno oggetto di una prossima pubblicazione. Alcuni cenni preliminari sono in: S.PANNUZI et alii, Recenti ritrovamenti nel territorio ostiense (Municipio XIII), «BullCom», CXII, 2011, c.s..
5) W.PANTANO, A.NAVA, G.TARTAGLIA, Le sepolture della via Ostiense (prima tratta): evidenze antropologiche e paleopatologiche, in S.PANNUZI (a cura di), Necropoli ostiensi, Roma 2007, pp.70-76.
6) S.PANNUZI, F.CENCIOTTI, Le indagini archeologiche lungo la via Ostiense: i rinvenimenti dal Cineland alla Stazione della Ferrovia Roma-Lido di Ostia Antica (prima tratta), in S.PANNUZI (a cura di), Necropoli ostiensi. Roma 2007, p.58 ; D.FERRO, I.A.RAPINESI, Fascia in oro, in S.PANNUZI (a cura di), Necropoli ostiensi. Roma 2007, pp.59-60 ; S.PANNUZI, Fascia in tessuto d’oro (Schede), in Tesori Invisibili (Catalogo Mostra) (Roma, Castel Sant’Angelo 1-5/26-7/2009), Roma 2009, pp.71-72.
7) S.PANNUZI, F.CENCIOTTI, Le indagini archeologiche lungo la via Ostiense: i rinvenimenti dal Cineland alla Stazione della Ferrovia Roma-Lido di Ostia Antica (prima tratta), in S.PANNUZI (a cura di), Necropoli ostiensi. Roma 2007, pp.54-55 ; S.PANNUZI, Maschera fittile (Schede), in Tesori Invisibili (Catalogo Mostra) (Roma, Castel Sant’Angelo 1-5/26-7/2009), Roma 2009, pp.70-71.
8) S.PANNUZI, A.MORO, M.TANTUCCI, Piazza Gregoriopoli, in S.PANNUZI et alii, Indagini archeologiche lungo la via ostiense. Località Ostia Antica (Munc.XIII), «BullCom», CVII, 2006, pp.203-206; PANNUZI, PANTANO, cit. 2011, pp. 271-279; M.TANTUCCI, W.B.PANTANO, Le indagini archeologiche in Ostia Antica paese: il colombario di Piazza Gregoriopoli, in PANNUZI et al., cit. c.s..
9) W. B. PANTANO, A.NAVA, L.RENÒ, G.TARTAGLIA, Analisi antropologica preliminare delle sepolture di Via Gesualdo, PANNUZI et al., cit. 2006, pp. 208-209; L.CARBONI, P.CATALANO, Nota antropologica, in PANNUZI et al., cit. c.s..

 


Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *