L’ambiente e il paesaggio naturale e agro-forestale

J.-P. Bravard (Université Lyon 2, France), moderatore

 

  1. 1.     Dinamica fluviale dei meandri del Tevere nella sua piana alluvionale

 

Matteucci R. (SSBAR), Rosa C. (IsiPU), Sebastiani R. (SSBAR), Variazione del corso del fiume Tevere ed evoluzione del paesaggio in età olocenica.

 

– Lo spostamento dell’alveo distrugge i siti archeologici della sponda concava e consente l’insediamento umano sulle sponde convesse.

– I rinterri (riempimenti) dei vecchi alvei testimoniano  il tempo naturale e il tempo archeologico

 

 

  1. 2.     Dinamica dei fossi

 

Giunta E. (Gruppo archeologico Tevere), Lo studio dei fossi (toponimi e comportamenti) ed il contributo alla ricostruzione diacronica del paesaggio della piana alluvionale del Tevere nel suo basso corso

 

= Ricostruzione di vecchie trame per una lettura diacronica del paesaggio

 

 

  1. 3.     Metodologia  di analisi e interpretazione delle vicende archeologiche  e naturali. Proposte

 

1)  Sistematizzare le modalità di raccolta e messa a disposizione  dell’informazione

 

Farinetti E. (Gruppo geoarcheologico Tevere), Sebastiani R. (SSBAR), L’archivio digitale geoarcheologico, una risorsa per lo studio del Tevere

Matteucci R. (SSBAR), Rosa C. (IsiPU), Sebastiani R. (SSBAR), Variazione del corso del fiume Tevere ed evoluzione del paesaggio in età olocenica.

 

–       Grazie al loro posizionamento nelle stratigrafie, gli indicatorei dell’ attività umana del passato trasmettono informazioni sulla dinamica dei processi naturali

–       Tipo di scheda tecnica  per il rilevamento degli strati archeologici

–       Raccolta, analisi, integrazione della documentazione  d’archivio cartografica, aerofotografica, archeologica e geomorfologica;

–       Indagini geologiche e geognostiche (sondaggi a carotaggio continuo, indagini geofisiche); Appunti i di campo e di laboratorio di tutti i sondaggi (carotaggi e trincee). Monitoraggio sistematico via GPS

–       Realizzazione ed implementazione di un archivio relazionale digitale per la gestione dei dati. Georeferenzazione dei dati geologici,  archeologici e geoarcheologici. Costruzione del DEM della morfologia della città al momento della prima urbanizzazione contemporanea.

–       Creazione di un database aperto contenente dati di campo, mappe e archivi testuali, immagini aeree (vecchie foto, immagini satellitari a infrarossi e radar, lidar)

–       Importanza della cartografia delle scoperte e dei paesaggi per ogni periodo storico

–       Prevedere una lithotheca di depositi di sedimenti

 

 

2) Integrare l’ informazione in una ricostruzione diacronica dell’ evoluzione dell’ idrosistema Tevere

 

Gli aspetti diacronici

 

– OSL e datazione al radiocarbonio degli strati sedimentari ( studi geoarcheologici + paleoambientali). Datazione relativa ( e assoluta)  dalla carta attuale

– Avvio  della mappatura del rischio archeologico, attraverso la spazializzazione delle fasi di costruzione della pianura.

 

Elaborazione interpretativa

 

– Elaborazione di carte delle megaforme fluviali e loro evoluzione in 3D

– Avvio  della mappatura del rischio archeologico, attraverso la spazializzazione delle fasi di costruzione della pianura.

 

 

3) Il systema fluviale come struttura theorica

 

– I sistemi fluviali  seguono un particolare percorso dalle sorgenti al mare. Il Tevere  nel territorio comunale di Roma è un fiume con andamento a meandri (con un trasporto solido poco rilevante)

–  I fiumi con meandri liberi si spostano e si riformano nelle piane alluvionali. La mobilità dell’ alveo consente la costruzione della piana alluvionale che è la piana inondabile.

– La velocità di migrazione e  di riformazione dei meandri liberi dipende della potenza  del fiume (portata di piena, pendenza)

– Alcune piane alluvionali testimoniano tempi più o meno lunghi, in funzione del rapporto tra  la superficie rimaneggiata (SF) / superficie della piana alluvionale (SPA). Il rinnovo alluvionale è basso e le testimonianze archeologiche sono rilevanti quando il il rapporto SF/SPA è basso.

– A scala di 350 anni, il Tevere (nella sua parte a monte) presenta  una mobilità relativament moderata (spostamento a valle dominante). A granda scala, la mobilità laterale dei meandri  crea delle forme, degli strati  sedimentari e un’esposizione al rischio diversificate.

 

 

4) Identificare i processi, la dinamica temporale e le interazioni

 

– Identificare i processi idro-sedimentari responsabili di depositi alluvionali (tipo di sospensioni, variazioni di energia, tassi di accrescimento)

– Misurare la velocità di spostamento laterale del Tevere attraverso  un approccio geoarcheologico seguito da un approcio cartografico

– Misurare la velocità di riempimento degli annessi fluviali

– Décrire et interpréter les formes et le paysage des berges antiques (naturelles et/ou anthropisées)

– Lavorare su criteri di fluttuazione idrodinamica a diverse scale temporali (piene individualizzate, crisi o periodi di tregua)

– Inserire i risultati negli schemi di fluttuazione idroclimatica vs schemi di alterazione dei bacini idrografici da parte delle società

– Les faits géomorphologiques et sédimentaires comme “réponses” ou “ajustements” aux crises

– identificare i modi in cui il fiume influenzale società rivierasche (inondations, usages, etc)

– Identificare i modi in cui l’attività umana altera le dinamiche naturali (ad esempio la mobilità del meandro può essere alterata dalla sistemazione delle sponde).

 


Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *